Nando Paone venerdì prossimo sarà in palcoscenico per Scenari pagani 26 – Fuori Campo

Conto alla rovescia partito. Penultimo spettacolo, il 15 marzo. In scena questa volta Nando Paone con Matteo Biccari in “Sagoma. Monologo per luce sola” di Fabio Pisano con la regia di Davide Iodice. Assistente alla regia è Carlotta Campobasso, con la collaborazione di Francesco Guardascione e Francesco Piciocchi; organizzazione e comunicazione Gabriella Diliberto. “Sagoma” è una produzione “Artgarage – Teatro”. L’appuntamento è sempre alle 20.45, presso l’Auditorium S. Alfonso in Pagani. Come sempre, l’esibizione sarà preceduta dall’AperiSpettacolo a cura di Ritratti di territorio con Famiglia Pagano 1968 e Pepe Mastro Dolciere.

Lo spettacolo
Vuole un solo faro, in contro-contro, freddo. Racconta di un attore e delle sue difficoltà. Sagoma deve essere visto in contro perché non c’è una faccia, ma solo una storia e se la storia non ha faccia può essere la storia di tutti.
Un attore e un tecnico luci sono chiusi in un teatro da un tempo indefinito, alla ricerca del controluce perfetto. Uno appeso su una scala, l’altro appeso sul palco, condividono la precarietà di un mestiere e di una esistenza dove il baratro è solo un quarto di passo oltre il segno fissato.
Figure fragili, stagliate nella penombra, in permanente ricerca di un significato.
Iodice e Pisano tornano a lavorare insieme dopo Hospes-itis, scarnificando qui il meccanismo della messa in scena per una riflessione sul teatro e la sua urgenza, che risuona quanto mai attuale.
Nando Paone
Una sagoma lieve e poeticissima che ricorda Keaton e Beckett, e che non teme di andare contro la rassicurante consolazione del già noto, per tentare una emozione autentica.
Sagoma è l’incontro dell’attore napoletano con un ruolo ‘differente’ dai suoi più tradizionali, e dice di quanto sia capace come pochi di frequentare con identica bravura registri comici e drammatici. E ci dice di un percorso artistico che non ha nulla da invidiare a quello di tanti celebrati colleghi.
Una carriera che spazia dal teatro al cinema e alla televisione, diretto da Galdieri, Eduardo, Steno, Risi, Monicelli, Gregoretti, Salemme, Pugliese e tanti altri. Maschera d’Argento del Teatro italiano nel 2015 per un memorabile Sganarello nel Don Giovanni di Alessandro Preziosi, Nando Paone è stato anche premiato nel 2020 come migliore attore al Festival della commedia di Montecarlo per la sua interpretazione di Pasquale Cardinale nel film “Il ladro di cardellini”, per la regia di Carlo Luglio.
Per info e prenotazione
www.casababylon.it Mob, +39 3289074079

Articoli correlati

Il Regno Animale: a Ritratti di lettura la prima nazionale del romanzo di Alfonso Tramontano Guerritore

Edito dalle Edizioni dell’Ippogrifo, l’inaugurazione del ciclo di presentazioni si terrà a Pagani, suo paese natale, lunedì 29 aprile, alle 20, presso la Confraternita di Maria Ss.ma…

Lunedì prossimo a Napoli Iacolare e Palomba riflettono su dialetto e musica

Dalle villanelle alla scena contemporanea. Attraversa i secoli, e si confronta con le diverse emozioni che ogni epoca produce, “Dialetto e musica”, settimo appuntamento degli “Incontri sul…

Il nuovo menu di Cinquanta Spirito Italiano è firmato Ingordo

L’aria di primavera porta tante novità al Cinquanta – Spirito Italiano di Pagani, in provincia di Salerno. La prima di queste è il nuovo food menù stavolta…

Scenari pagani 26: le riflessioni di fine rassegna di Nicolantonio Napoli

Quello di sabato sera con Saverio La Ruina è stato l’ultimo appuntamento con Scenari pagani26 Una rassegna che da sempre ha il compito di indagare tra i…

Chiusura col botto per Scenari pagani 26: sabato prossimo arriverà Saverio La Ruina

Calerà il sipario. Il 23 marzo, ottavo e ultimo appuntamento per la rassegna diretta da Nicolantonio Napoli di Casa Babylon Teatro.  Alle 21, all’auditorium S. Alfonso in…

La principessa di Lampedusa: l’ultimo opera di Ruggero Cappuccio sarà presentata giovedì al Teatro Sannazzaro

Prima del principe di Lampedusa, c’è una principessa. Al centro del mondo che ha ispirato le magnifiche pagine del Gattopardo, c’è una donna: la madre di Giuseppe…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *