Libri e Cappuccino: Erri De Luca ci porta per “Montedidio”

di Maria Pepe

Un luogo, la sua memoria, il suo vissuto.
L’ influenza di queste variabili sulle vite e le anime degli abitanti.
Monte di Dio, il quartiere che sta più in alto, come Gerusalemme.
Ogni via, ogni sasso è ” Muro Sacro del Pianto”. Un pianto silente e secco che l’ occhio nudo e disattento non può vedere.
Il romanzo di Erri De Luca, edito da Feltrinelli, ha nel doppio piano la chiave.
Fuori: dolore, fame, miseria, chiasso.
Dentro: luce, sentimento, nostalgia, intimità.
Assenze manifestazione di Presenze.
“Quando ti viene una nostalgia, non è mancanza, è presenza, è una visita, arrivano persone, paesi, da lontano e ti tengono un poco di compagnia”.
Catene che divengono ali, nascoste nella gobba di un ciabattino straniero e in un ” bumeran” dono e riscatto di un tredicenne spinto alla vita e all’ amore.
La magia della parola, tra ” il quieto” italiano e il “fatto di sangui” napoletano, guida il giovane ragazzo (voce narrante), Maria, Mast’ Errico, Rafaniello e tutte le vite del Monte.
Facce della prismatica natura del misterioso quartiere. Dove altrove e reale si incontrano e si fondono. L’acerbo apprendista di bottega vivrà la sua densa, ma precoce maturazione. I passaggi: l’amaro della malattia della madre che porterà ad una casa deserta per l’assenza del padre; l’ arrivo dell’amore sentimentale e carnale per Maria tanto giovane quanto adulta a causa del lato sporco della pelle che suo malgrado ha già conosciuto.
Destini incrociati che culmineranno tutti nella notte del volo.
Il 31 dicembre, voli e abissi si spalancano lasciando due piume come traccia.
“Pure con la vita triste bisogna darsi da fare”.
Montedidio
Melanconico e fatale.
Nostalgicamente, sì.

Articoli correlati

Pappasta: tris di fratelli per il primo ristopasta a Sarno

Viale Margherita, Sarno. E pensi subito a un giorno. A quel giorno. 5 maggio 1998. Il pensiero, dopo 26 anni, provoca ancora le stesse sensazioni. Da ieri,…

Libri e Cappuccino: versione con ghiaccio per “Il Grande Gatsby”!

di Maria Pepe Un giovane uomo, fisicità imponente, carismatico, veste sartoriale. Provenienza, ricchezza, ignote. Da dove venga, nessuno sa. Poco importa. Le sue feste, la sua villa,…

II Concorso Letterario Felicetta Confessore: martedì prossimo la serata di premiazione

L’appuntamento è alle 19 presso la Chiesa di Maria Ss.ma Addolorata in Pagani. Un momento da non perdere per chi è appassionato di letteratura e per chi…

Napoli e gli Ascarelli: se ne parla martedì prossimo a Napoli

Chi erano e cosa hanno rappresentato per la storia di Napoli gli Ascarelli? Quali meriti sono da attribuirsi a questa famiglia di imprenditori e mecenati di religione…

La principessa di Lampedusa: il nuovo libro di Cappuccio arriva a Caserta il 24 maggio

Dopo gli eventi di questo mese a Firenze e a Milano, torna in Campania “La Principessa di Lampedusa”. Venerdì prossimo, alle 19.30, il romanzo di Ruggero Cappuccio,…

Libri e Cappuccino: protagonista l’ultimo libro di Gabo

di Maria Pepe Piccolo e colorato nella sua copertina d’ acquerello “Ci vediamo in Agosto”, edito da Mondadori, ultimo saluto di Gabriel Garcia Marquez emoziona ancor prima…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *