Per “Ritratti di Lettura” il 18 marzo a Pagani arriva Maria Bolignano

Secondo appuntamento del 2024 con la rassegna letteraria di “Ritratti di territorio”. Questa volta si cambia registro. Per la prima volta, sarà presentato il libro di un’attrice. E che attrice!
Prestate un attimo attenzione. Andiamo per ordine. Innanzitutto, prendete carta e penna. In alternativa, vanno bene anche il tablet o lo smartphone. Cominciate a segnare. Lunedì 18 marzo, alle 19.30, presso la confraternita di Maria Ss.ma Addolorata in Pagani, varcherà la soglia Maria Bolignano. “Profumo comico di donna!”: questo il titolo della biografia che “ho scritto io, l’autrice, Maria Bolignano, chiamata da tutti La Bolegna”, anche se in terza persona. Un insieme di racconti attraverso cui fuoriesce il grande spessore comico di una donna che, prima di incontrare il mondo dell’arte, è stata donna in carriera. La solitudine, il tempo che passa, le discriminazioni di genere, la vita attoriale sono alcuni degli argomenti affrontati da Maria. Come solo i numeri uno sanno fare, la sua scrittura ti strappa più di una risata, ma riesce soprattutto a farti pensare. E allora capisci che sei di fronte a un’umorista. “Profumo comico di donna”, edito da Mea Edizioni, è dedicato a Mauro, Andrea e Yuri, rispettivamente marito e figli. Un ringraziamento speciale è dedicato a Luciano Melchionna. La prefazione è toccata a Maurizio Casagrande che anticipa la presentazione della scrittrice.

Ph Gaetano Del Mauro

Una lettura imperdibile. Per saperne di più, bisogna partecipare il 18 marzo. Dopo i saluti di Rino Buonocore, priore della Confraternita, “La Bolegna” (Premio Ritratti di territorio 2023) sarà intervistata da Nunzia Gargano. Passi scelti del libro saranno letti da Cleo Lamberti, Caterina Sabatino, Vincenzo Sabatino. L’ingresso è gratuito su prenotazione all’indirizzo e-mail: ritrattiditerritorio@gmail.com

Il libro

L’autrice
Si laurea in Scienze Politiche all’Istituto Orientale di Napoli indirizzo internazionalistico. Durante il suo percorso di studi, presa dall’entusiasmo giovanile che porta a fare più di quello che potresti permetterti, comincia a frequentare corsi di teatro e stages di perfezionamento, senza sapere realmente cosa perfezionare. Così, tra un’imperfezione e l’altra, si lascia pian piano coinvolgere dall’arte della finzione scenica, che poi tanta finzione non è. Un giorno, aiutata da un segno dell’universo, di cui forse prima o poi vi racconterà, lascia i suoi progetti seri di donna in carriera per inseguire un sogno, che tuttora insegue.

Articoli correlati

Il Regno Animale: a Ritratti di lettura la prima nazionale del romanzo di Alfonso Tramontano Guerritore

Edito dalle Edizioni dell’Ippogrifo, l’inaugurazione del ciclo di presentazioni si terrà a Pagani, suo paese natale, lunedì 29 aprile, alle 20, presso la Confraternita di Maria Ss.ma…

Lunedì prossimo a Napoli Iacolare e Palomba riflettono su dialetto e musica

Dalle villanelle alla scena contemporanea. Attraversa i secoli, e si confronta con le diverse emozioni che ogni epoca produce, “Dialetto e musica”, settimo appuntamento degli “Incontri sul…

Il nuovo menu di Cinquanta Spirito Italiano è firmato Ingordo

L’aria di primavera porta tante novità al Cinquanta – Spirito Italiano di Pagani, in provincia di Salerno. La prima di queste è il nuovo food menù stavolta…

Scenari pagani 26: le riflessioni di fine rassegna di Nicolantonio Napoli

Quello di sabato sera con Saverio La Ruina è stato l’ultimo appuntamento con Scenari pagani26 Una rassegna che da sempre ha il compito di indagare tra i…

Chiusura col botto per Scenari pagani 26: sabato prossimo arriverà Saverio La Ruina

Calerà il sipario. Il 23 marzo, ottavo e ultimo appuntamento per la rassegna diretta da Nicolantonio Napoli di Casa Babylon Teatro.  Alle 21, all’auditorium S. Alfonso in…

La principessa di Lampedusa: l’ultimo opera di Ruggero Cappuccio sarà presentata giovedì al Teatro Sannazzaro

Prima del principe di Lampedusa, c’è una principessa. Al centro del mondo che ha ispirato le magnifiche pagine del Gattopardo, c’è una donna: la madre di Giuseppe…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *