Protagonisti gli artigiani del territorio per i 5 anni del rinnovato punto vendita di Pepe Mastro Dolciere

I compleanni vanno festeggiati. Danno nuova linfa. Promuovono nuovi progetti. Ne sono convinti anche da “Pepe Mastro Dolciere”, la patria dei lievitati in Sant’Egidio del Monte Albino. Così il 26 ottobre scorso, a cinque anni dall’inaugurazione del rinnovato punto vendita, si è voluto ricordare il momento. Insieme ad altri innamorati del territorio. Oltre a Giuseppe e Prisco Pepe, autori del dolce a sopresa della serata, il chocobab, c’erano altri appassionati: Salvatore e Luigi Calabrese della Macelleria del Centro Storico in San Marzano Sul Sarno; Paola Amato, mastro casaro del Caseificio Aurora, a pochi passi dalla pasticceria. Un evento intimo, manifestatosi attraverso un menu scandito dei protagonisti.

Prima dell’avvio della cena, Nunzia Gargano, ideatrice del progetto culturale e del premio collegato a questo blog, ha introdotto l’evento. Grande orgoglio per noi.

Giuseppe e Prisco Pepe, come il compianto fratello Alfonso, Paolo Amato, Salvatore e Luigi Calabrese sono da sempre al fianco delle nostre iniziative. Un rapporto virtuoso tessuto e sviluppato tra chi mette al primo posto le radici e poi le porta in giro. La conferma è giunta dalle portate della degustazioni, capaci di emozionare come la voce e la parole delle stelle nostrane.

Stuzzicheria by Pepe Mastro Dolciere

La sfilata di bontà è cominciata con il prosecco Banfi extra brut abbinato alla classica stuzzicheria by Pepe. Tripudio per la tartelletta con tartare di fassona beneventana, panna acida, pomodorino di Corbara candito profumato all’arancia

Tartelletta con tartare

insieme a un calice di Fiano di Avellino ex Cinere Resurgo 2021. Sapori pirotecnici per il tagliere di salumi,

Tagliere di salumi by Salvatore e Luigi Calabrese

la focaccia multicereali e l’Aglianico Irpinia Doc Corte di Giso. Sembrava di essere in Francia al momento del tagliere ai 4 formaggi

I formaggi di Paolo Amato

con una fetta di tronchetto delizia dell’orto e Taurasi DOCG Pago dei Fusi. Trionfo per il debutto in società del “Chocobab”

Chocobab

(sfera di ganache alla gianduia con all’interno una composta di albicocca Pellecchiella del Vesuvio, un babà con impasto al cioccolato bagnato all’exotic, un pinguino croccante e crunch di cioccolato al latte).

Entusiasti gli ospiti perché, come cantano i Neri per Caso: “Quando c’è sentimento, non c’è mai pentimento”.

Articoli correlati

Libri e Cappuccino: Erri De Luca ci porta per “Montedidio”

di Maria Pepe Un luogo, la sua memoria, il suo vissuto. L’ influenza di queste variabili sulle vite e le anime degli abitanti. Monte di Dio, il…

II Concorso Letterario Felicetta Confessore: martedì prossimo la serata di premiazione

L’appuntamento è alle 19 presso la Chiesa di Maria Ss.ma Addolorata in Pagani. Un momento da non perdere per chi è appassionato di letteratura e per chi…

Napoli e gli Ascarelli: se ne parla martedì prossimo a Napoli

Chi erano e cosa hanno rappresentato per la storia di Napoli gli Ascarelli? Quali meriti sono da attribuirsi a questa famiglia di imprenditori e mecenati di religione…

La principessa di Lampedusa: il nuovo libro di Cappuccio arriva a Caserta il 24 maggio

Dopo gli eventi di questo mese a Firenze e a Milano, torna in Campania “La Principessa di Lampedusa”. Venerdì prossimo, alle 19.30, il romanzo di Ruggero Cappuccio,…

Libri e Cappuccino: protagonista l’ultimo libro di Gabo

di Maria Pepe Piccolo e colorato nella sua copertina d’ acquerello “Ci vediamo in Agosto”, edito da Mondadori, ultimo saluto di Gabriel Garcia Marquez emoziona ancor prima…

Ritratti di lettura: martedì all’Addolorata arriva Massimo Andrei

Quarto appuntamento per la rassegna culturale a cura di Ritratti di territorio. Martedì 21 maggio, alle 20, presso la Chiesa di Maria Ss.ma Addolorata arriverà il poliedrico…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *