Congratulazioni allo chef Alberto Annarumma per il conseguimento della stella Michelin al “Relais Blu” di Massa Lubrense

Alberto Annarumma

Le belle notizie vanno annunciate. Sempre. Perché, qualche volta, assumono un significato ulteriore. Diventano simboliche.

Qualcuno si starà chiedendo: cosa è successo di così rilevante?

Il 25 novembre scorso, la guida Michelin ha attribuito una stella al Ristorante “Relais Blu” di Massa Lubrense. La cucina di questo luogo suggestivo è ritornata a splendere grazie all’impegno dell’executive chef, Alberto Annarumma. 47 anni, paganese, non è la prima volta che la sua arte viene apprezzata dalla rossa più prestigiosa. Esperienza di lungo corso nei tempi della ristorazione nostrani e internazionali, si distingue per un’abnegazione e una serietà professionale fuori dal comune.

Ha frequenta l’Istituto alberghiero e ha ereditato la passione per i fornelli guardando la mamma. Ragazzo di ampie vedute, ha sempre pensato che per crescere bisognasse anche valicare lo Stivale più affascinante. Infatti, il suo genio creativo oltre a Ravello, Amalfi e Mercato San Severino, è passato per la Francia, per gli Stati Uniti, per l’Asia, per l’Oceania. Uno dei suoi maestri è stato Anthony Genovese del quale è stato sous chef, ma vanta collaborazioni anche con Pino Lavarra e Alain Passard. La sua visione cosmopolita non ha mai compromesso il legame con la terra d’origine. Alberto Annarumma, infatti, ha radici ben salde nella sua Pagani di cui, come tutti coloro che hanno un rapporto sano con i luoghi del cuore, conosce limiti e prospettive.

È un pasionario nel senso più puro e letterale del termine. Il commento ai miei complimenti per il conseguimento della stella, solo dopo una stagione al “Relais Blu”, continua a risuonare nella mia mente, come se fosse musica.

A destra Alberto Annarumma con lo chef Gianni Mellone durante l’evento tarallucci e vino del 2018 presso l’Auditorium S. Alfonso M. De Liguori in Pagani

“Sono veramente entusiasta per questa stella e spero che serva anche un po’ al mio paese”. Sono parole che, in questo momento, per una città quale Pagani, rappresentano un invito a splendere, a sperare, a rimboccarsi le maniche per cancellare le brutture della sua storia recente.

Che la stella di Alberto diventi la cometa per un cammino di rinascita di un luogo che, insieme ai suoi cittadini, ha ancora tanto da offrire.

Articoli correlati

Dialetto e cinema lunedì al Musap di Napoli

Sarà dedicato al rapporto con il cinema il quarto degli “Incontri sul dialetto” curati dal Comitato per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio linguistico napoletano e…

Ritorna Spremuta Day: tappa a Sorrento, Piano e Massa Lubrense

Spremuta Day, l’iniziativa che promuove la conoscenza e il consumo delle arance sorrentine tra gli alunni delle scuole primarie della Penisola sorrentina, quest’anno aggiunge una terza tappa…

Libriamoci al Pegaso: il 24 febbraio presenti gli studiosi del territorio

Sono profondamente orgogliosa di essere stata individuata tra gli autori delle nostre zone. Sabato mattina, con grande entusiasmo sarò al centro commerciale Pegaso. Una vera e propria…

Futuri chef a raccolta per il progetto dell’Associazione medici diabetologici della Campania

“La diabetologia incontra i futuri chef: la prevenzione a tavola” questo il titolo del progetto del gruppo “Lifestyle” dell’Associazione medici diabetologi della sezione Campania. Partito il 5…

We love Enzo: Kinder-Traum Seminar a Scenari pagani nel nome di Moscato

Sarà questo il sottofondo del prossimo spettacolo di “Scenari pagani 26”. In cartellone, per sabato 24 febbraio, era previsto “Modo minore”. Lo spettacolo non si farà più…

Da Pepe Mastro Dolciere è l’ora del Carnevale Veneziano

Dalle 19 di stasera, in via Nazionale, a Pagani, comincerà la festa. Giuseppe, Prisco e Anna Pepe hanno costruito una serata evento per i propri estimatori. Una…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *