Pompei: Carli e Avallone conquistano il pubblico con la cena a 4 mani dell’Hermes Café

15595799_10210127273771480_902598269_o

Finale col botto. Si è concluso ieri il ciclo di degustazioni svoltosi tra novembre e dicembre presso l’Hermes Cafè in via Plinio a Pompei pensato da Gian Marco Carli e Giuseppe Pisacane.

Serata a quattro mani con due protagonisti d’eccezione: Gian Marco, l’archeochef per intenderci, e Salvatore Avallone, chef patron di “Cetaria” a Baronissi.

15220103_10211608234151201_1208313419950903916_n

Due giovani che hanno unito le loro forze per far vivere ai propri estimatori un percorso enogastronomico intrigante e originale.

Gian Marco e Salvatore sono molto diversi nel temperamento, ma identici nella passione per una professione affascinante e dura.

L’entrée (arancino con rosso di Mazara e provola, vellutata di patate e tartufo bianco irpino)

Carli, Arancino con rosso di Mazara
Carli, Arancino con rosso di Mazara e provola, vellutata di patate e tartufo bianco irpino

e il primo antipasto sono stati preparati dallo chef di casa, Gian Marco, “Il Principe”, per intenderci.

Il tataki di tonno, pistacchi e maionese al dragoncello con sfoglia di cipolla rossa marinata ha confermato l’estro e la competenza di questo ragazzo che preferisce far parlare le sue creazioni.

Carli, Tataki di tonno
Carli, Tataki di tonno, pistacchi e maionese al dragoncello con sfoglia di cipolla rossa marinata

Il polpo brasato al rosmarino, frappè di patate allo zafferano, terra di olive nere, maionese al pomodoro e chips di polenta alla papaccella

Avallone, Polpo brasato
Avallone, Polpo brasato al rosmarino, frappè di patate allo zafferano, terra di olive nere, maionese al pomodoro e chips di polenta alla papaccella

e le orecchiette ai due datterini, colatura di alici di Cetara e nocciola tartufata di Giffoni sono stati prepararati dall’energico Salvatore.

Avallone, Orecchiette
Avallone, Orecchiette ai due datterini, colatura di alici di Cetara e nocciola tartufata di Giffoni

Il secondo piatto è costituito da uno degli alimenti preferiti di Gian Marco: il baccalà in fricassea, crema di scarola riccia e crumble di cipolle e pinoli con pomodorino candito.

Carli, Baccalà in fricassea
Carli, Baccalà in fricassea, crema di scarola riccia e crumble di cipolle e pinoli con pomodorino candito

Per le portate sono stati abbinati i vini dell’azienda “Bosco de’ Medici” il Pompei Bianco e la “Lacryma Christi”.

Un plauso va anche al mixer Francesco Varnelli per il gelly rusty nail affumicato alla vaniglia, croccante di dattero, noce moscata e twist di limone

Varnelli. Gelly
Varnelli. Gelly rusty nail affumicato alla vaniglia, croccante di dattero, noce moscata e twist di limone

che ha preparato il palato alla caprese al cioccolato fondente e ganache di cioccolato bianco agli agrumi di Salvatore Avallone.

Avallone, Caprese
Avallone, Caprese

Molto apprezzati i distillati a cura dell’Azienda Berolà di Portico in provincia di Caserta.

15502901_10210127277611576_1743698440_o

Articoli correlati

Ritratti di lettura: martedì all’Addolorata arriva Massimo Andrei

Quarto appuntamento per la rassegna culturale a cura di Ritratti di territorio. Martedì 21 maggio, alle 20, presso la Chiesa di Maria Ss.ma Addolorata arriverà il poliedrico…

Napoli: da oggi al via “Campania Young Festival”

Una rassegna teatrale e cinematografica interamente allestita e interpretata dagli studenti di 52 istituti secondari di secondo grado della Campania. Questo è l’originale format di “Campania Young…

Il fuoco che ti porti dentro di Antonio Franchini inaugura “Libri e Cappuccino”

di Maria Pepe “Mia madre puzza”. Inizia così Il fuoco che ti porti dentro, ultimo romanzo di Antonio Franchini, edito da Marsilio. Ironia, sagacia, letteratura, tracciano la…

“Una dolce storia dal 1830”: sabato ad Amalfi la presentazione del libro dedicato alla Pasticceria Pansa

Edito da Italian Gourmet, casa editrice specializzata in pubblicazioni di Alta Cucina e Pasticceria, sarà presentato alle ore 18.30 all’interno degli Antichi Arsenali della Repubblica ad Amalfi….

Dialetto e toponomastica: se ne discute domani a Napoli

Fu Ferdinando IV di Borbone nel 1792 a dare un primo assetto ufficiale e sistematico alla toponomastica napoletana. Questa è soltanto una delle mille scoperte che si…

Euforia ai Giardini del Fuenti: racconto di una notte di pura magia

di Francesca Pappacena Nel cuore mozzafiato della Costiera Amalfitana, tra il dipanarsi di un tramonto incantevole, note avvolgenti e profumi irresistibili, si è svolto Euforia: un evento…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *