Caserta: il 16 marzo da “Morsi e Rimorsi” Ignacio Ito e Peppe Daddio

Un evento in cui talento culinario, tecniche e sapori di cucine differenti si mescoleranno, quello che si terrà il 16 marzo prossimo alla pizzeria dei Terroni Morsi e Rimorsi di Caserta. La pizzeria casertana dei fratelli Peppe, Luca e Paolo Capece, per una serata ospiterà Ignacio Hidemasa Ito

Ignacio Ito
Ignacio Ito

del ristorante Jap One, uno dei più bravi sushimen d’Italia nato in Brasile da madre e padre giapponesi. Il caso lo ha portato a Napoli, dove lavora e vive da anni ed oggi, nel panorama partenopeo, è tra i migliori chef. La sua mano orientale s’incontrerà con quella occidentale di un grande esponente della cultura gastronomica contemporanea, lo chef casertano Peppe Daddio,

Peppe Daddio
Peppe Daddio

maestro e direttore della scuola di formazione professionale Dolce&Salato, autore del libro di successo “Dieta Mediterranea Salute e Bontà” scritto con il nutrizionista Giorgio Calabrese. Oriente ed Occidente, sushi e cucina mediterranea insieme per una serata unica ed autentica, dove non mancherà la più alta espressione della napoletanità: la pizza. Pizza di recente riconosciuta verace dall’Associazione Verace Pizza Napoletana.
La cena vedrà cinque portate elaborate dai due grandi chef: Harumaki con pettole di pizza fritta salsa agrodolce e maionese vegana allo zafferano (verdura, gamberi in tempura serviti con salsa a base de mayo); Rap cirashi, asparagi e confettura di pomodori (riso del sushi, salmone, gamberi, zenzero, goma wakame, uova de tobiko, tamago, limone, nikiri, evo, butterfish);
Rolls, involtini di melanzane arrostite, riccio di calamaro e latte di bufala (philadelphia, surimi, salmone, goma wakame e chari forno con salsa teryaki); Il Tonno e il Vitello con mozzarella di bufala campana dop, misticanza aromatica e piccola montanara di mare; il dolce, trasparenza in bicchiere con consistenze di sapori Oriental Style/Napoli Metropolitan (Wasaby, babà, Sechuan, amarena, kumquat, rhum, cioccolato, sfogliatella e pastier’ e gran).
Ai piatti saranno abbinate tre pizze eseguite dai pizzaioli M&R: il borgo marinaro, la margherita del Vesuvio e la bufalina.
Nei bicchieri saranno versati il Dubl rosato Feudi San Gregorio, il Greco di Tufo Picoli della cantina il Bambinuto, il Moscato d’Asti Vignaioli di Santo Stefano e due birre, la Saint John’s Wies e la Saint John’s Kolsh.
La cena inizia alle ore 20,30 e il costo è di 50 euro a persona compreso vini e birre.
È indispensabile la prenotazione al numero 0823. 327822 – 335. 1945980
Morsi e Rimorsi Pizzeria è in Viale dei Bersaglieri n. 14 – 81100 Caserta
www.morsierimorsi.it
info@morsierimorsi.it

Articoli correlati

Ritratti di lettura: martedì all’Addolorata arriva Massimo Andrei

Quarto appuntamento per la rassegna culturale a cura di Ritratti di territorio. Martedì 21 maggio, alle 20, presso la Chiesa di Maria Ss.ma Addolorata arriverà il poliedrico…

Materia in Disordine: coreografie di Marco De Alteris e Veronica Pepe per riflettere sull’importanza della danza e di tutte le arti

L’appuntamento è per sabato 18 maggio, alle 20.30, presso l’Auditorium di S. Alfonso Maria de Liguori. Lo spettacolo è un’occasione per interrogarsi sui tempi in cui viviamo….

Napoli: da oggi al via “Campania Young Festival”

Una rassegna teatrale e cinematografica interamente allestita e interpretata dagli studenti di 52 istituti secondari di secondo grado della Campania. Questo è l’originale format di “Campania Young…

Il fuoco che ti porti dentro di Antonio Franchini inaugura “Libri e Cappuccino”

di Maria Pepe “Mia madre puzza”. Inizia così Il fuoco che ti porti dentro, ultimo romanzo di Antonio Franchini, edito da Marsilio. Ironia, sagacia, letteratura, tracciano la…

“Una dolce storia dal 1830”: sabato ad Amalfi la presentazione del libro dedicato alla Pasticceria Pansa

Edito da Italian Gourmet, casa editrice specializzata in pubblicazioni di Alta Cucina e Pasticceria, sarà presentato alle ore 18.30 all’interno degli Antichi Arsenali della Repubblica ad Amalfi….

Dialetto e toponomastica: se ne discute domani a Napoli

Fu Ferdinando IV di Borbone nel 1792 a dare un primo assetto ufficiale e sistematico alla toponomastica napoletana. Questa è soltanto una delle mille scoperte che si…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *