Sentimento: la parola magica del Social World Film Festival

Domenica scorsa, è finito il Social World Film Festival. Per una settimana, Vico Equense e la sua bellezza paesaggistica sono state la scenografia di un evento svolto con passione dai suoi animatori. Il SWFF è davvero la festa di tutti. C’è Giuseppe Alessio Nuzzo, il direttore dell’evento che lavora incessantemente.

Giuseppe Alessio Nuzzo

C’è il sindaco Giuseppe Aiello che non fa mancare il suo appoggio alla kermesse e apre le porte di tutti i luoghi cittadini ad attori, registi, produttori, giovani cinefili.

Toni Servillo

C’è Giuseppe Mastrocinque con i suoi ragazzi dell’Università del Cinema e della PM5 talent che porta una ventata di freschezza e professionalità. Sono impeccabili: giovani e impegnati, partecipano attivamente a masterclass, workshop e giurie. La magia avvolge anche i mostri sacri.

Pupi Avati

E così ti ritrovi di fronte Toni Servillo e Pupi Avati che non guardano l’orologio perché vogliono la soddisfazione degli aspiranti attori.

Mario Autore

O ancora Mario Autore, giovane e famoso, che conserva ancora lo sguardo entusiasta dei bambini. Non è solo attore, ma anche autore, regista e compositore. E le lectiones magistrales con due docenti fuoriclasse: Fabiana Sera e Antonio Iavazzo.

Fabiana Sera

Infine, il red carpet che sa di Hollywood, ma made in Italy. Per una sera, ognuno si sente star e si immortala tra selfie e foto di gruppo.

Peppe Mastrocinque con i suoi ragazzi

Cos’è che differenzia questa kermesse? Il sentimento. Ognuno è protagonista, costruttore di un tassello per l’unità del puzzle.

Che dire poi dell’accoglienza dei commercianti, degli albergatori? Varchi la soglia e ti accolgono come se fossi uno di famiglia. Ti ringraziano all’entrata e all’uscita.

Da sx: Vincenzo Sabatino, Christian Chiummariello, Rosaria Cirillo

Un altro mondo? No, un mondo carico di umanità dove al di là del ruolo che rivesti sei una persona e vai rispettata a prescindere. Diventa chiaro subito che solo Vico Equense poteva essere la patria di questo festival di 12 anni compiuti. Questa città ha chiara dentro di sé la missione che i due Peppe, Nuzzo e Mastrocinque, portano avanti con l’Università del Cinema e delle Arti dello Spettacolo.

Articoli correlati

Dialetto e cinema lunedì al Musap di Napoli

Sarà dedicato al rapporto con il cinema il quarto degli “Incontri sul dialetto” curati dal Comitato per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio linguistico napoletano e…

Ritorna Spremuta Day: tappa a Sorrento, Piano e Massa Lubrense

Spremuta Day, l’iniziativa che promuove la conoscenza e il consumo delle arance sorrentine tra gli alunni delle scuole primarie della Penisola sorrentina, quest’anno aggiunge una terza tappa…

Libriamoci al Pegaso: il 24 febbraio presenti gli studiosi del territorio

Sono profondamente orgogliosa di essere stata individuata tra gli autori delle nostre zone. Sabato mattina, con grande entusiasmo sarò al centro commerciale Pegaso. Una vera e propria…

Futuri chef a raccolta per il progetto dell’Associazione medici diabetologici della Campania

“La diabetologia incontra i futuri chef: la prevenzione a tavola” questo il titolo del progetto del gruppo “Lifestyle” dell’Associazione medici diabetologi della sezione Campania. Partito il 5…

We love Enzo: Kinder-Traum Seminar a Scenari pagani nel nome di Moscato

Sarà questo il sottofondo del prossimo spettacolo di “Scenari pagani 26”. In cartellone, per sabato 24 febbraio, era previsto “Modo minore”. Lo spettacolo non si farà più…

Da Pepe Mastro Dolciere è l’ora del Carnevale Veneziano

Dalle 19 di stasera, in via Nazionale, a Pagani, comincerà la festa. Giuseppe, Prisco e Anna Pepe hanno costruito una serata evento per i propri estimatori. Una…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *