Oggi è festa: si festeggia il Capodanno del Mugnaio

Appuntamenro dalle ore 17.30, nelle campagne di Frignano, in provincia di Caserta, presso l’azienda agricola di Franco D’Amore.

Per Antimo Caputo la reunion che suggella il progetto di filiera “Grano Nostrum” targato 2022 è particolarmente entusiasmante, dopo due anni di trebbiatura raccontata esclusivamente attraverso il web.

Durante tutto l’anno i campi vengono monitorati da un team di agronomi, con sopralluoghi e tecnologie satellitari. Si tratta di un lavoro corale e costante che vede impegnati, accanto al Mulino Caputo, tutti i produttori, coordinati da Franco D’Amore e la Green Farm, l’azienda di Grottaminarda di cui è capo fila di filiera Michele Meninno, che si occupa dell’assistenza tecnica all’agricoltura.

Le ragioni di questo successo? Grano italiano al 100%, certificato “Made in Italy”, prodotto attraverso una scelta accurata delle varietà, in base alle caratteristiche dei terreni e il monitoraggio di tutte le fasi produttive, dalla semina fino al raccolto.

Antimo Caputo ne è orgoglioso: “Tornare a coltivare terreni italiani è fondamentale, ora più che mai. Siamo forti di accordi di filiera tra tutti i protagonisti di questo immenso lavoro crediamo un una agricoltura sostenibile ambientalmente ed economicamente.”

E precisa: “Dalla crisi abbiamo imparato tanto: soprattutto a migliorare la qualità dello stoccaggio e a potenziare la capacità di insilaggio dei cereali, aumentando le riserve strategiche; abbiamo incrementato ancora le superfici coltivate in Italia: dai terreni del basso Lazio, dove è nato il progetto “Grano Nostrum”, a quelli di Campania, Molise, Basilicata, Abruzzo e Puglia. Il nostro obiettivo – aggiunge Caputo – è quello di aumentare ancora le aree produttive delle nostre regioni del Sud e di continuare a fondere l’antica sapienza alle innovazioni tecnologiche, ottimizzando le fasi di raccolta e di trasformazione e avvalendoci di strumentazioni all’avanguardia.”

Considerate le premesse, prepariamoci a un grande Capodanno del Mugnaio: con festeggiamenti accompagnati da brindisi benauguranti e dalla musica gioiosa dei Bottari della Cantica Popolare.

Articoli correlati

Pappasta: tris di fratelli per il primo ristopasta a Sarno

Viale Margherita, Sarno. E pensi subito a un giorno. A quel giorno. 5 maggio 1998. Il pensiero, dopo 26 anni, provoca ancora le stesse sensazioni. Da ieri,…

Libri e Cappuccino: versione con ghiaccio per “Il Grande Gatsby”!

di Maria Pepe Un giovane uomo, fisicità imponente, carismatico, veste sartoriale. Provenienza, ricchezza, ignote. Da dove venga, nessuno sa. Poco importa. Le sue feste, la sua villa,…

Libri e Cappuccino: Erri De Luca ci porta per “Montedidio”

di Maria Pepe Un luogo, la sua memoria, il suo vissuto. L’ influenza di queste variabili sulle vite e le anime degli abitanti. Monte di Dio, il…

II Concorso Letterario Felicetta Confessore: martedì prossimo la serata di premiazione

L’appuntamento è alle 19 presso la Chiesa di Maria Ss.ma Addolorata in Pagani. Un momento da non perdere per chi è appassionato di letteratura e per chi…

Napoli e gli Ascarelli: se ne parla martedì prossimo a Napoli

Chi erano e cosa hanno rappresentato per la storia di Napoli gli Ascarelli? Quali meriti sono da attribuirsi a questa famiglia di imprenditori e mecenati di religione…

La principessa di Lampedusa: il nuovo libro di Cappuccio arriva a Caserta il 24 maggio

Dopo gli eventi di questo mese a Firenze e a Milano, torna in Campania “La Principessa di Lampedusa”. Venerdì prossimo, alle 19.30, il romanzo di Ruggero Cappuccio,…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *