Ercolano: sold out per la serata “Marinara e Piedirosso” a “Le Parùle”

image_pdfimage_print

14741792_10209493650811302_1111536378_n

Una serata dedicata alla marinara accompagnata dal Piedirosso. Mercoledì scorso, serata all’insegna della semplicità dal maestro pizzaiolo Giuseppe Pignalosa. L’evento è stato organizzato dalla “Event Planet” in collaborazione con il “Consorzio dei vini del Vesuvio” e l’Ais Comuni Vesuviani.

14694706_10209493647171211_155651720_n

A “Le Parùle”, in via Benedetto Cozzolino a Ercolano, c’erano davvero tutti per applaudire questo giovane artigiano che ha imposto la sua professionalità all’attenzione locale e nazionale.

14741175_10209493648371241_1273095217_n

Pizzaiolo dell’Alleanza Slow Food, è reduce dal “Ritratti di Territorio Food Award” per la categoria “Chef della Pizza”.

Una degustazione interamente dedicata alla “Pizza Marinara” preparata con i migliori pomodori campani (corbarino, piennolo, San Marzano, Miracolo di San Gennaro), abbinata ai migliori vini del Vesuvio.

14740983_10209493648091234_1284738390_n

Sold out per un momento in cui Luciano Pignataro, il maestro di tutti gli attuali giornalisti enogastronomici che continua a fare scuola, ha aperto la riflessione con un inno alla riscoperta dei sapori semplici.

14686392_10209493646811202_1427276224_n

I puristi, infatti, sostengono sempre che per valutare la buona pizza bisogna partire proprio dalla “Marinara”.

14657699_10209493648651248_772513435_n

Giuseppe Pignalosa è un creativo. L’ha dimostrato e lo dimostra ancora.

14694602_10209493648531245_1191589619_n

Dulcis in fundo, è sfilata anche la “Giagiù”, fresca di riconoscimento come pizza del territorio al Contest Unesco dedicato.

14686257_10209493651851328_443752631_n

È inutile evidenziare la soddisfazione degli appassionati degustatori. Con Giuseppe il risultato è assicurato.

Di certo serate come quelle di mercoledì sono importanti per promuovere e, nello stesso tempo, evidenziare artigiani, prodotti e produttori che, quotidianamente, si impegnano per portare in alto il nome della Campania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *