“Un anno di noi”: per il primo compleanno di “Pepe Mastro Dolciere” cena stellata con gli amici di sempre

image_pdfimage_print

Sono passati quasi quattordici mesi dall’inaugurazione del rinnovato locale di “Pepe Mastro Dolciere”. Nel frattempo, tante persone sono passate per Sant’Egidio del Monte Albino per assaggiare, curiosare, intrattenersi.

È stato un periodo breve, ma intenso, costellato da sacrifici, impegni, dedizione e tante soddisfazioni.

Siccome le ricorrenze vanno sempre osservate, il 30 ottobre scorso, si è festeggiato “Un anno di noi”, il primo compleanno del nuovo laboratorio e punto vendita. Erano in tanti, tutti lì per onorare Alfonso, Anna, Prisco e Giuseppe. Sì, perché nonostante il successo indiscusso, i riconoscimenti, ultimo le tre torte del “Gambero Rosso”, loro rimangono sempre uguali a quelli dell’inizio.

Testa bassa e impegno assoluto per essere d’esempio ai propri dipendenti.

La Masardona, Il Battilocchio

È stato una bellissima serata di festa con tanti amici chef che hanno voluto omaggiare Alfonso con una propria creazione.

C’erano infatti Cristiano Piccirillo dell’Antica Friggitoria “La Masardona” accompagnato dal “battilocchio”, la sua famosa interpretazione di pizza fritta.

Poi tris di chef stellati.

Paolo Gramaglia, La pasta a mare

Ad aprire la sfilata dei primi: la pasta a mare, un tuffo dallo scoglio durante il maestrale di Paolo Gramaglia, una stella Michelin, chef patron del Ristorante President in Pompei.

Gli spaghetti all’acqua di limone e provolone del Monaco di Peppe Guida, una stella Michelin dell’Antica Osteria Nonna Rosa di Vico Equense, come al solito, hanno incantato i palati.

Peppe Guida, Acqua di limone e provolone del Monaco

Chicco Cerea, tre stelle Michelin del ristorante “Da Vittorio” a Brusaporto, ha stupito per la gustosità del suo risotto ai porcini.

Chicco Cerea, Risotto ai funghi porcini

La prepazione del secondo, lo stracotto di vitello con purè al parmigiano e al tartufo, invece, è stata affidata a Francesco Siena, lo chef di Pepe Mastro Dolciere.

Francesco Siena, Lo stracotto di vitello con purè al parmigiano e al tartufo

Dulcis in fundo, l’eccezionale “Delizia di San Gilio”, la creazione dedicata dai Pepe al paese dove è ubicata la pasticceria.

Pepe Matro Dolciere, Delizia di San Gilio

A fare da cornice alla degustazione i vini dell’Azienda Vinicola Santacosta di Giuseppe Pagano e le bollicine di “Elèm” special edition Valdobbiadene.

Al di là delle prelibatezze degustate, ciò che ha lasciato il segno nel cuore di chi ha partecipato è stato il sentimento sincero che alberga ne cuori di chi ha partecipato che sente il successo della famiglia Pepe come un successo personale perché sono persone di famiglia.

Mettiamo nuova carne a cuocere: il nuovo progetto di Nando Bifulco da lunedì prossimo al centro di Ottaviano

image_pdfimage_print

È giunto il giorno. Lunedì 10 dicembre, dalle 18, in via Giovanni XXIII a Ottaviano, si varcherà la soglia di “Bifburger Exclusive”. Il nuovo progetto di Nando Bifulco, fratello di Luciano dell’omonima braceria, è atteso da tutti. Dopo il meritato e indiscusso successo ottenuto con l’intuizione di “Bifburger” in via Lavinaio a San Giuseppe Vesuviano, che ha trasformato il panino, tipico cibo da fast food, in un prodotto gourmet e goloso. Protagonista assoluta la carne che è di casa in questa famiglia di allevatori.

Bifburger Exclusive

Merito del capofamiglia Francesco, attento selezionatore e gran lavoratore. In Campania, Bifulco è sinonimo di storia della carne. Puoi girare i locali più alla moda, ma la loro pregiata selezione fa sempre la differenza. Perché? Innanzitutto si contraddistinguono per un profondo rispetto della loro arte e della clientela che quotidianamente li sceglie. Infatti, se scegli di mangiare nel loro locale o di seguirli in qualche manifestazione esterna, ti rendi conto che ci mettono sempre la faccia e la carne di qualità non lasciando nulla al caso.

Nando Bifulco
Ph Gaetano Del Mauro

“Bifburger Exclusive” è un nuovo progetto fortemente voluto da Nando, ma anche da Luciano. Due ragazzi che non si fermano e che non dormono mai. Nel giorno libero, si fa per dire, si va per allevamenti per garantire l’alto standard qualitativo a cui i loro estimatori sono abituati. Il nuovo tempio del gusto sorgerà nel centro di Ottaviano, a pochi passi dalla storica macelleria-gastronomia gestita da Nando con Maria Teresa Iervolino, la fidanzata storica, oggi sua moglie, e Speranza, la rampolla di Casa Bifulco.

Bifburger Exlcusive

Tre livelli di bontà: al piano terra la macelleria intesa in senso classico dove con un tetto trasparente si può seguire il percorso dell’animale prima di essere lavorato; al primo piano, lo spazio dedicato a incontri veloci di lavoro, aperitivi, break pranzo in un ambiente gradevole e di gusto; al secondo piano, il regno del panino vero e proprio.

Che dire?! Quando scrivo della famiglia Bifulco mi sento orgogliosa. Sì, perché, anche se forse solo per casualità, sono stata la prima a scrivere di Luciano e della braceria-scommessa. Dopo quell’articolo si sono susseguiti successi, uno dopo l’altro: la partecipazione agli Internazionali d’Italia a Marina di Carrara; Bifburger; la nuova Braceria inaugurata l’otto dicembre 2016; lunedì prossimo Bifburger Exclusive.

Ecco perché non potevo scrivere una fredda notizia legata alla nuova apertura. Bisogna far capire, a chi ancora non lo sa, l’impegno, la fatica, il “rischio” per inseguire i propri sogni che quotidianamente incornicia i giorni di Nando e Luciano con le rispettive mogli Maria Teresa e Carmela, senza dimenticare l’esempio del signor Franco e della signora Teresa sempre in prima linea quando c’è da rimboccarsi le maniche. Che dire poi di Speranza, la donna di casa Bifulco, che come i fratelli non si risparmia in nessun aspetto del proprio lavoro, presenza costante che si divide tra San Giuseppe Vesuviano e Ottaviano!

Ad maiora!

Ci si vede “Per le vie del borgo” il 7 dicembre a Castelluccio di Castel San Giorgio

image_pdfimage_print

L’Associazione Fratellanza SS Annunziata e l’Associazione Amici di Villa Calvanese, su iniziativa dell’Assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Castel San Giorgio Sig.ra Giustina Galluzzo, organizzano per il giorno 07 dicembre 2018 la prima edizione della manifestazione “Per le vie del Borgo”, patrocinata dal Comune di Castel San Giorgio guidato dall’avv. Paola Lanzara.

La Frazione Castelluccio di Castel San Giorgio (SA) si trova nella parte sud-est del territorio comunale, ad 1,5km dall’uscita autostradale di Castel San Giorgio sull’ A30, ed è urbanisticamente composta da caratteristici e pittoreschi rioni ( ‘a rete e zunzul – abbasc ‘o pont – ‘a rete e nuce – ncopp ‘o Pennin – ncopp ‘o cunnuttul – ‘a rete Casa Puzz – ncopp ‘o munticiello ) che si succedono in rapporto di continuità fra loro, snodandosi alla base della Collina su cui si erge la Chiesetta della SS. Annunziata, dando forma ad un importante centro storico di Castel San Giorgio.

Ed è proprio in questo fantastico scenario, tra vicoli e portoni, appunto “per le vie del Borgo”, artigianato, mercatini, street food, tammorra, artisti di strada, vino e birra artigianale saranno protagonisti per aprire le porte al magico periodo del Natale.

I mercatini, tra artigianato locale, oggettistica, prodotti tipici, saranno la giusta occasione per inaugurare lo shopping natalizio e si potranno acquistare tantissimi e particolari prodotti per originali regali natalizi.

Nell’ambito della manifestazione si inserisce anche la “mostra di artigianato al femminile” con ricamatrici, fioriste, artigiane del legno e della ceramica, organizzata negli anni scorsi dall’Associazione Amici di Villa Calvanese in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne e qui riproposta dalle signore di Villa Calvanese proprio per porre l’attenzione su questa piaga che l’umanità non è ancora riuscita a sanare.

Imperdibile sarà la zona food con piatti della nostra tradizione popolare. ll ristorante via Porto di Salerno proporrà il baccalà fritto, la macelleria Giovanni Salvati di Castelluccio i salumi artigianali di produzione propria, il panificio Il Paradiso del Pane di Trivio il pane cotto al momento nel forno a legna, la macelleria le carni irpine di Mario Laurino di San Michele di Serino la carne di podolica cotta alla brace, il ristorante la locanda dei falchi di Nocera Inferiore la pasta al baccalà, la pizzeria O’Sarracin di Angioletto Tramontano le sue straordinarie pizze, la macelleria le delizie irpine di Umberto Novaco da S. Lucia di Serino il caciocavallo impiccato, Appena Fritto le patatine e i panini street food, il mondo senza glutine di Nocera Inferiore i cuoppi gluten free, la Pasticceria Palma di Trivio i muffin caldi e poi castagne e tanto altro.

Non da meno saranno i vini dell’azienda vinicola Santacosta di Torrecuso. Per la birra artigianale si potranno degustare le birre prodotte dal birrificio Aeffe e bella M’Briana entrambi di Nocera Inferiore.

A rendere il tutto davvero magico e ad accompagnarci “per le vie del Borgo” non potevano mancare le tammorre con Vincenzo Romano e la sua Paranza che ci faranno scatenare con le antiche danze delle genti campane.

E per i più piccoli non mancheranno trampolieri, mangiafuoco, lettura di favole e bolle di sapone…per accompagnare anche loro nel magico mondo del Natale.

Inoltre, nel corso della serata sarà presentato il libro “Resistenze, Esperimenti di microstoria attraverso tre biografie” di Nunzia Gargano. L’autrice, partendo dalla biografia di due uomini ed una donna a cui Pagani ha dato i natali, con grande competenza metodologica ricostruisce un tessuto socio-politico che contribuisce ad allargare il quadro interpretativo sulle lotte per l’Unità d’Italia prima e per la costruzione della Repubblica poi.

Il programma della manifestazione prevede il taglio del nastro da parte del Sindaco di Castel San Giorgio avv. Paola Lanzara alle ore 19.00 per poi proseguire fino a notte inoltrata.

Per info:

340 8986324

340 1436958

L’Uovo alla Nerano: il piatto del “Bikini” di Vico Equense che congiunge due continenti

image_pdfimage_print

È la sintesi tra la Campania e il Giappone, frutto della sinergia nata la primavera scorsa tra Giorgio Scarselli, patron del ristorante “Il Bikini” di Vico Equense e Fumiko Sakai, la chef.

Il nuovo menu che ha scandito la primavera-estate ha ritagliato un importante ruolo enogastronomico alla famiglia Scarselli. Fumiko ha portato una ventata di novità e di abnegazione in cucina nel rispetto degli ingredienti tradizionali campani lavorati spesso con tecniche culinarie del Sol Levante.

Ecco perché l’Uovo alla Nerano lascia esterrefatto positivamente chi si ritrova al suo cospetto. Innanzitutto è stato il piatto simbolo del 2018 per la struttura che affaccia sul mare e guarda il Vesuvio. D’altronde, è una pietanza nobile per il messaggio che racchiude al suo interno. L’impatto visivo non fa percepire il mondo che si apre quando si passa alla sua degustazione.

Come nasce allora?

Viene preparata una salsa con spaghetti aglio, olio e peperoncino che poi si unisce a zucchine grigliate, basilico e spuma di provolone del Monaco. A guarnire le zucchine con aceto a mo’ di scapece. Così quando si rompono le uova per mangiare, fuoriesce una fonduta al sapore degli spaghetti alla Nerano.

Così in un apparentemente innocuo piatto si celebra il gemellaggio più nobile tra Italia e Giappone. Merito del cosmopolitismo di Giorgio e Fumiko.

Ecco a voi la ricetta del Red Sunset Sakura il cocktail dedicato al pomodoro San Marzano

image_pdfimage_print

Come promesso, torniamo a parlare del cocktail al pomodoro San Marzano che si può gustare alla Pizzeria Magma di Torre Del Greco. Il “Red Sunset Sakura” è una creazione da assaggiare per accompagnare le montanare fritte al pomodoro o semplicemente per bere qualcosa di diverso. Viene mixato on the rock insieme alla vodka, al ginger beer e a qualche ingrediente segreto, ritrovandosi complice in un mix di sapori e profumi mediterranei molto piacevoli.

Noi l’abbiamo assaggiato per voi e vi proponiamo la ricetta concessa direttamente dal patron Ciro Di Giovanni. Così potete incominciare a farvi un’idea.

Red Sunset Sakura (Cocktail al pomodoro San Marzano)

Ingredienti

30 ml di succo di pomodoro San Marzano

10 ml di succo di limone

2 cucchiaini di zucchero di canna

30 ml di vodka

un pizzico di sale e pepe

ginger beer per colmare

Prendete un bicchiere e riempitelo con gli ingredienti nell’ordine indicato; terminate con il ginger beer per colmare.