SSWF: domani al via la XII edizione con Toni Servillo

image_pdfimage_print
Ph Masiar Pasquali

Ha prestato il volto a personaggi iconici della storia del nostro Paese da Eduardo Scarpetta a Giulio Andreotti fino a Silvio Berlusconi. Ha reso immortale il suo Jep Gambardella con una interpretazione da Oscar. Toni Servillo è senza dubbio tra gli attori più influenti del nuovo millennio. Ed è per questo che il Social World Film Festival gli assegnerà nella sua serata d’apertura il “Golden Spike Award” alla carriera.

L’appuntamento è per domenica 3 luglio, quando l’attore inaugurerà la 12a edizione della Mostra Internazionale del Cinema Sociale di Vico Equense, incontrando alle 16 giovani attori per una masterclass di recitazione moderata dal giornalista Alessandro Savoia e l’agente cinematografico Giuseppe Mastrocinque. A seguire parteciperà allo svelamento dell’insegna del Nuovo Cinema Aequa insieme al sindaco Giuseppe Aiello.


In serata alle 21 all’Arena Fellini della SS. Trinità e Paradiso Servillo introdurrà il film di apertura, “Qui rido io” di Mario Martone, con un dibattito moderato dal direttore del festival, il regista Giuseppe Alessio Nuzzo. A seguire parteciperà alla cerimonia di apertura con il taglio del nastro alla presenza di ospiti ed istituzioni, il red carpet e il salotto cinematografico serale introdotto da Roberta Scardola, per poi ricevere il premio alla carriera e firmare il Monumento al Cinema, il Wall Of Fame, che vede già gli autografi in bronzo di Claudia Cardinale, Giancarlo Giannini, Silvio Orlando, Stefano Accorsi, Ornella Muti, Luis Bacalov, Michele Placido, Stefania Sandrelli, Katherine Kelly Lang, Valeria Golino, Leo Gullotta, Franco Nero, Maria Grazia Cucinotta, Iain Glen e Itziar Ituno.

Le proiezioni dei film in concorso con incontri con i protagonisti inizieranno alle 18. Alla Sala Troisi di Teatro Mio per la selezione Focus c’è “Come prima” di Tommy Weber (Campania, 96’). Alla Sala Rosi del Museo del Cinema nell’Antico Palazzo di Città per la selezione Focus spazio a “Fino ad essere felici” di Paolo Cipolletta (Campania, 90’).

Sempre alle 18 nella Sala Rossellini nell’atrio dell’Antico Palazzo di Città si terrà l’inaugurazione della mostra fotografica dedicata a Monica Vitti, a cura di Giuseppe Alessio Nuzzo, e la proiezione del reportage dedicato all’attrice a cura di Rai Teche. A seguire Social World Film Festival omaggia Monica Vitti: le strade di Vico Equense sono travolte dalla sua emozionante voce in alcune interviste raccolte nel reportage a cura di Rai Teche e dalle musiche dei suoi maggiori film da interprete.

Dalle ore 21 presso l’Arena Loren del Piazzale Siani vi saranno proiezioni delle opre in concorso della selezione Concorso Internazionale: “The letter men” di Andy Vallentine (USA, 8’), “Hair Tie, Egg, Homework books” di Runxiao Luo (Cina, 8’), “Chiusi Fuori” di Giorgio Testi (Italia, 8’).

Le attività si concluderanno alle ore 23.30 a Largo Mastroianni nella Piazza Umberto I con il salotto cinematografico serale con interviste agli ospiti della giornata e agli autori in concorso al Social World Film Festival, introdotto da Salvatore Ricci e Annachiara Mansino.

Il Social World Film Festival è organizzato dal Comune di Vico Equense con il contributo della Direzione Generale Cinema e Audiovisivo del Ministero della Cultura e della Regione Campania con Film Commission Regione Campania.
Il Social World Film Festival ha ricevuto la Medaglia del Presidente della Repubblica Italiana, il patrocinio di Camera dei Deputati, Senato della Repubblica, Università Suor Orsola Benincasa, Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli, Università di Salerno, Università L’Orientale, Università degli Studi di Napoli Parthenope, Università degli Studi del Sannio, Università Giustino Fortunato.
L’evento è realizzato in collaborazione con Centro Sperimentale di Cinematografia, Rai Teche, Rai Cinema Channel, Sky, Luce-Cinecittà, Medusa Film, Fondazione Cinema per Roma, Nuova Accademia di Belle Arti, Università del Cinema e delle Arti dello Spettacolo, PM5 Talent, Accademia di Belle Arti di Napoli, Piazza a Metro, Vikonos, Cooperativa Sirio, Radio Selfie, Vision Distribution, SNCCI, CiakRent, Casa del Cinema e delle Arti di Acerra, Consorzio Luna.
Sponsor: Banca Generali, Paradise Pictures, Formaperta, E-comunica, HM make up, Di Gennaro – material for recycling, Cartesar – paper rie-experienxe,  Pontin & C.
Special thanks: T&D Angeloni trasporti cinematografici, Grand Hotel Angiolieri, Hotel Le Axidie, Palazzo Murrano, Grand Hotel Moon Valley, Villa Ketty, Pasticceria Mille Stelle, Cremeria Gabriele, Ristorante Cerasè, Mimmo Fiorista, Bh Salon, CherieMode.
Media partner: Radio Marte, Canale 21, CinecittàNews, Red Carpet, Metropolis, Wooow Magazine, La Gazzetta dello Spettacolo, Magazine Pragma, Mydreams.
Il Social World Film Festival è socio dell’Afic – Associazione Festival Italiani di Cinema, fondatore e membro attivo del Coordinamento Festival Cinematografici della Regione Campania e partecipa ai lavori del Clarcc – Coordinamento Lavoratori Regione Campania Cinema e Audiovisivi.

Incontri con gli artisti: alla serata dedicata a Giuseppe Cicalese anche un omaggio allo chef Mario Zingone

image_pdfimage_print
Silvio Iaquinandi con Pietro Lista

Incontri con gli artisti: incontri con la vita. Questo il leit motiv del terzo appuntamento della rassegna, curata da Rosa Cuccurullo, svoltosi mercoledì 29 giugno, presso “Il Bagatto” in Pagani. Protagonista Giuseppe Cicalese, artista che coniuga design e ceramica vietrese.

Un momento ricco di emozioni,quello visssuto dal pubblico l’altra sera. La famiglia Iaquinandi, patron dell struttura, ha colto l’occasione per ricordare la figura di Mario Zingone, lo chef residente, scomparso, un anno fa, in un incidente stradale.

Alla presenza della moglie Arianna Celoro è stata ricordata la figura di un giovane professionista, entusiasta della vita e della famiglia. Il maestro Pietro Lista ha dedicato quindi un disegno alla figura di Mario, la cui aura è sempre presente nella cucina del Bagatto.

Intanto “Incontri con gli artisti continua”. Prossimi appuntamenti: Elisa D’Arienzo (7 settembre); Pierfrancesco Solimene (21 settembre); Sasà Sorrentino (data da definire)

SWFF: Maggie Civantos sarà la madrina della XII edizione

image_pdfimage_print

Ha prestato il volto a due serie iconiche di Netflix, come Macarena di “Vis a Vis” e Ángeles in “Le ragazze del centralino”. Nei prossimi giorni, l’attrice spagnola, sarà a Vico Equense come madrina dell’edizione 2022 del Social World Film Festival, la Mostra Internazionale del Cinema Sociale, diretto dal regista Giuseppe Alessio Nuzzo. Appuntamento per il 9 luglio quando al Complesso Monumentale SS Trinità e Paradiso, rinominato per l’occasione Arena Fellini, sfileranno sul red carpet anche i vincitori del festival e l’attrice Jenny De Nucci.

La cerimonia di apertura, invece, è prevista domenica 3 luglio alla presenza di Toni Servillo che riceverà il premio alla carriera e firmerà il Monumento al Cinema, il Wall Of Fame, che vede già gli autografi in bronzo di Claudia Cardinale, Giancarlo Giannini, Silvio Orlando, Stefano Accorsi, Ornella Muti, Luis Bacalov, Michele Placido, Stefania Sandrelli, Katherine Kelly Lang, Valeria Golino, Leo Gullotta, Franco Nero, Maria Grazia Cucinotta, Iain Glen e Itziar Ituno.

L’attore nel pomeriggio incontrerà giovani attori per una masterclass di recitazione e svelerà l’insegna del Nuovo Cinema Aequa insieme al sindaco Giuseppe Aiello.

Nei giorni successivi sono attesi anche il cast della serie tv “Mare Fuori”, Serena De Ferrari, Kyshan Wilson, Carmine Recano e il regista Ivan Silvestrini (4 luglio), Peppe Lanzetta (4 luglio), Mario Autore (4 luglio), Marco D’Amore (5 luglio), Ludovica Francesconi (5 luglio), Francesco Di Leva (6 luglio) Michele Morrone (6 luglio), Mayra Pietrocola (7 luglio), Ronn Moss (7 luglio), i premi alla carriera a Lino Banfi (7 luglio) e Pupi Avati (8 luglio), Valeria Angione (8 luglio), Francesca Montuori (9 luglio).

Ogni sera il pubblico potrà scegliere tra due schermi. Nell’Arena Fellini, allestita nel complesso SS. Trinità e Paradiso, per la sezione “Grande Schermo” tra incontri con i protagonisti e panel tematici, film di apertura “Qui rido io” di Mario Martone con Toni Servillo (ore 20.30 del 3 luglio. In programma anche “The Batman” di Matt Reeves con Robert Pattinson (4 luglio), “L’immortale” di e con Marco D’Amore (5 luglio), “Nostalgia” di Mario Martone con Pierfrancesco Favino (6 luglio), l’anteprima campana di “Viaggio a sorpresa – Surprise trip” di Roberto Baeli con Ronn Moss e Lino Banfi (7 luglio), e “Lei mi parla ancora” di Pupi Avati con Renato Pozzetto e Stefania Sandrelli (8 luglio).

Nell’Arena Loren, in piazza Siani, proiezione dei cortometraggi del concorso internazionale e incontri con gli ospiti di questa edizione presentati da Roberta Scardola, per un talk sul cinema a tematica sociale. Ogni serata sarà introdotta da tributo a Monica Vitti tra clip dei suoi film e delle sue interviste, mentre il 9 luglio alle 18 verrà proiettato il documentario in suo omaggio, “Vitti d’Arte, Vitti d’Amore” di Fabrizio Corallo, uno speciale sui i 100 anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini e un ricordo dei 50 anni dall’uscita di “Totò a colori”, la cui prima scena fu girata proprio tra le strade della città che apre la Penisola Sorrentina.

 

Ogni giorno tante attività per i giovani a partire dagli 8 workshop per aspiranti attori in collaborazione con l’Università del Cinema, e grazie alla collaborazione con la Fondazione Cinema per Roma e NABA – Nuova Accademia di Belle Arti, torna il consueto Mercato europeo del cinema giovane, Young Film Market, il 10 luglio. Inviato da iPhone

Tutta questione di “Phenomena”: la II edizione l’1 e il 2 luglio a Pescara

image_pdfimage_print

Sono 73 le imprenditrici del sud Italia (63 del food e 10 del design) selezionate per Phenomena, il primo e unico salone italiano dedicato alle aziende a guida femminile in tre settori d’eccellenza del Made in Italy: design, fashion e food.

Come  l’edizione del debutto, a luglio dello scorso anno anche per quella del 2022, che si terrà l’1 ed il 2 luglio all’Aurum di Pescara, è ideata e organizzata da IFTA, con il sostegno di ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane nell’ambito del Piano Export Sud – PES 2, di Regione Abruzzo, della Camera di Commercio di Chieti e Pescara e della sua Agenzia di Sviluppo, della Camera di Commercio del Gran Sasso d’Italia, del  CIF  (Comitato per l’Imprenditoria Femminile) e del Comune di Pescara, in accordo con Cna Federmoda.

La seconda edizione di Phenomena intende focalizzare l’offerta per i buyer stranieri provenienti da 18 Paesi (Albania, Angola, Arabia Saudita, Armenia, Arzebaijan, Brasile, Danimarca, Estonia, Finlandia, Giordania, Lettonia, Marocco,  Norvegia, Qatar, Serbia, Singapore, Svezia e Uk) su un totale di 115 aziende dell’Agroalimentare provenienti dalle 8 Regioni del Sud coinvolte nel Piano Pes 2, ovvero Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Le “quote rosa” della rassegna saranno  63 del settore food ed esporranno i loro prodotti nella sola giornata di venerdì 1 luglio (Sala D’Annunzio) mentre 10  saranno le artiste e le designer di gioielli in mostra nella Sala Europa dell’Aurum, sia venerdì 1 che sabato 2 luglio.

Una seconda tranche di aziende food, con altrettante 52 aziende a conduzione mista sarà in esposizione nella giornata di sabato 2 luglio.

La moda sarà la protagonista della serata di venerdì 1 luglio, con una  sfilata-performance  del brand eco-sostenibile Vusciché a cura del Gruppo Hoba,  che interpreterà le creazioni della stilista Diana Eugeni, owner del brand di Roseto degli Abruzzi.

La sfilata sarà parte integrante della serata di gala nella corte interna dell’Aurum, condotta da Tiziana Panella, giornalista e noto volto televisivo di La7, da anni alla guida della trasmissione di approfondimento politico e di attualità “Tagadà”.

Durante il gala saranno premiate 8 donne del Sud:

Pina Amarelli, imprenditrice calabrese Cavaliere del Lavoro, la tenace Lady Liquirizia famosa nel mondo

  • Licia Giaquinto, la scrittrice campana che si batte per contrastare il degrado e lo stato di abbandono in cui versa il borgo storico di Aterrana, in provincia di Avellino
  • Angela Procida, campana, campionessa italiana di nuoto paraolimpico il cui motto è “Se puoi sognarlo, puoi farlo
  • Antonella Salvatore, molisana, giornalista dell’Ansa e autrice del libro “L’Africa nel cuore”
  • Fiorella Bafile, l’imprenditrice abruzzese a capo di Tindora, il brand aquilano di bio-cosmesi
  • Anna Maria Di Rienzo l’imprenditrice abruzzese, Ceo del Gruppo Dyloan che lavora per i grandi marchi della moda internazionale.

Saranno inoltre, premiate: una imprenditrice del settore Agroalimentare votata dai buyer stranieri e una dell’area Phenomena Design designata dalle 63 signore del food.

Phenomena  è  l’unica rassegna che mette concretamente la donna al centro dell’attenzione mediatica e del business, assieme al  rilancio dell’imprenditoria femminile del Mezzogiorno, presente e sempre più importante nel sistema produttivo italiano. I dati lo dimostrano.

Se, infatti la media nazionale delle imprese gestite da donne è del 22%, nelle regioni del Sud la percentuale balza al 27,4% in Molise, al 26,4% in Basilicata, al 25% in Abruzzo, al 24,4% in Sicilia, superando di gran lunga i numeri di Regioni come la Lombardia (18,9%), il Veneto (18,9%), il Trentino Alto Adige (18,1%).

Perché le donne del Sud sono tenaci, ma anche lungimiranti: per non lasciare la loro terra, non potendo confidare in un tessuto imprenditoriale, scarso se non inesistente, si rimboccano le maniche e fanno impresa da sole. Con successo.

Oggi è festa: si festeggia il Capodanno del Mugnaio

image_pdfimage_print

Appuntamenro dalle ore 17.30, nelle campagne di Frignano, in provincia di Caserta, presso l’azienda agricola di Franco D’Amore.

Per Antimo Caputo la reunion che suggella il progetto di filiera “Grano Nostrum” targato 2022 è particolarmente entusiasmante, dopo due anni di trebbiatura raccontata esclusivamente attraverso il web.

Durante tutto l’anno i campi vengono monitorati da un team di agronomi, con sopralluoghi e tecnologie satellitari. Si tratta di un lavoro corale e costante che vede impegnati, accanto al Mulino Caputo, tutti i produttori, coordinati da Franco D’Amore e la Green Farm, l’azienda di Grottaminarda di cui è capo fila di filiera Michele Meninno, che si occupa dell’assistenza tecnica all’agricoltura.

Le ragioni di questo successo? Grano italiano al 100%, certificato “Made in Italy”, prodotto attraverso una scelta accurata delle varietà, in base alle caratteristiche dei terreni e il monitoraggio di tutte le fasi produttive, dalla semina fino al raccolto.

Antimo Caputo ne è orgoglioso: “Tornare a coltivare terreni italiani è fondamentale, ora più che mai. Siamo forti di accordi di filiera tra tutti i protagonisti di questo immenso lavoro crediamo un una agricoltura sostenibile ambientalmente ed economicamente.”

E precisa: “Dalla crisi abbiamo imparato tanto: soprattutto a migliorare la qualità dello stoccaggio e a potenziare la capacità di insilaggio dei cereali, aumentando le riserve strategiche; abbiamo incrementato ancora le superfici coltivate in Italia: dai terreni del basso Lazio, dove è nato il progetto “Grano Nostrum”, a quelli di Campania, Molise, Basilicata, Abruzzo e Puglia. Il nostro obiettivo – aggiunge Caputo – è quello di aumentare ancora le aree produttive delle nostre regioni del Sud e di continuare a fondere l’antica sapienza alle innovazioni tecnologiche, ottimizzando le fasi di raccolta e di trasformazione e avvalendoci di strumentazioni all’avanguardia.”

Considerate le premesse, prepariamoci a un grande Capodanno del Mugnaio: con festeggiamenti accompagnati da brindisi benauguranti e dalla musica gioiosa dei Bottari della Cantica Popolare.