Libri e Cappuccino: oggi tocca a Stefania Auci e “I Leoni di Sicilia”

di Maria Pepe

Una saga familiare. Un romanzo storico. Un nuovo classico. “I Leoni di Sicilia” di Stefania Auci, edito da Edizioni Nord, è vibrante e dirompente. Una scrittura viva, piena di grazia, fatta solo di parole belle. Ci mostra le vite della famiglia Florio. Riscatto, ambizione, determinazione, dignità. In origine, Paolo e Ignazio, fratelli uniti nella loro diversità, visionari pionieri del Sogno. È il 1799, da Bagnara Calabra arrivano a Palermo. L’ascesa comincia con la bottega di spezie sino ad arrivare ad una compagnia di navigazione, passando per il commercio di zolfo. Poi tocca a Vincenzo, figlio di Paolo. La scalata continua con le cantine Florio ed il Marsala, la tonnara e tutto il vortice del potere che ne verrà. Sullo sfondo, l’ espressione più viscerale della storia d’ Italia: i moti del 1818, Garibaldi. Uomini forti ed esemplari nelle loro debolezze con accanto donne altrettanto meravigliose. Giuseppina, moglie di Paolo, e Giulia, donna di Vincenzo. Due volti della stessa medaglia.
Il sacrificio e la ribellione, entrambi forti nell’amore, che tutto sacrifica e tutto vince.
“Se per te una persona è ragione di vita, non c’è nulla che tu non possa affrontare. Ma, se stare accanto a una persona è un obbligo o, peggio, un dovere che senti di dover assolvere, allora no, non devi farlo. Perché ci saranno i giorni in cui non riuscirete a parlarvi e litigherete. Vi odierete a morte. “Se non troverete qualcosa che vi unisce veramente, non avrete mai la serenità. E non parlo del rispetto reciproco o della frenesia dei baci, ma dell’affetto, della certezza di poter avere una mano da stringere ogni notte dall’altra parte del letto”.
Stefania Auci consegna con questo capolavoro, ad ognuno di noi, le coordinate del cuore. Famiglia, identità, amore, appartenenza. Una lettura di cui l’estate ha assolutamente bisogno.
Un’immersione nelle terre di Sicilia attraverso le pulsanti pagine dei “Leoni”.
“L’aria di primavera è tiepida. Sa di mare e sangue”.
Una letteratura che mancava da tanto.
I Leoni di Sicilia.
Supremo e vibrante.
Passionalmente, sì.

Articoli correlati

Libri e cappuccino: la penna di Valerie Perrin rinfranca gli animi dopo una perdita

di Maria Pepe Può il taglio della morte recidere un affetto e le vite ad esso legate? Cambiare l’ acqua ai fiori di Valerie Perrin, edizioni e/o,…

Libri e Cappuccino: questa settimana tocca al libro “Il filo di perle” di Rita Di Costanzo

  di Maria Pepe “Gentilezza chiama gentilezza”. “Amore chiama amore”. Il segreto racchiuso dentro “Il filo di perle”, prima creatura di Rita Di Costanzo, edito da Edizioni…

Libri e Cappuccino: tocca a Massimo Cotto e “Il re della memoria”

di Maria Pepe Un gioco di ruolo. Una vecchia leggenda. Un noir psicologico che con ritmo e leggerezza snocciola l’increscioso tema dell’interruzione. Dal gioco di ruolo, il…

“La sovrana lettrice” per Libri e cappuccino

di Maria Pepe Le parole, i tempi e il cuore per reggere il peso di un “regno”. “La sovrana lettrice” di Alan Bennet, edito da Adelphi, è…

Libri e Cappuccino: si va verso “La bella estate”

di Maria Pepe Un varco di passaggio tra l’adolescenza e l’ età adulta. Un classico senza tempo, romanzo d’iniziazione e formazione. La storia di una verginità che…

“Il cognome delle donne”: una questione di genere?

di Maria Pepe Una vecchia Singer con il pedale in ferro dal rumore metallico e incantatore al suono del quale le figlie si addormentano. Una valigia di…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *