Cetaria: la pandemia non ha fermato Federica e Salvatore sempre alla ricerca del meglio in sala e nel piatto

In un momento in cui il settore enogastronomico è stato messo a dura prova, per fortuna c’è chi rimane fedele a se stesso e alle sue idee.

Salvatore Avallone e Federica Gatto

Federica Gatto e Salvatore Avallone sono la coppia entusiasta di “Cetaria” a Baronissi, un ristorante di gusto curato nei minimi particolari che ha fatto sempre molto parlare di sé. Nel settembre scorso, hanno trovato anche il tempo di organizzare il matrimonio.

La loro carica di vitalità non li ha mai abbandonati. Li trovi sempre lì, in piazza della Repubblica.

Federica è una signora della sala, appassionata di vini, perfezionista. Se ti affidi a lei, l’abbinamento cibo vino diventa una sinfonia.

Salvatore è poliedrico e vivace. Nella sua filosofia culinaria, porta il luogo natìo, Cetara, e l’esperienza da giornalista. Quando varchi la soglia, i confini geografici si annullano. Entri nello splendido mondo incantato di Cetaria. Noi ci siamo stati il 7 dicembre scorso. Ci mancavamo da qualche anno. E ci siamo ritrovati in un luogo diverso da quello che conoscevamo: nuova disposizione, nuovo arredo, nuova proposta di piatti.

E’ stata una serata di coccole, a partire dall’aperitivo: tonno e pappaccelle, risotto alla pescatora, cheesecake di alici e prezzemolo.

Cetaria, l’aperitivo

Che dire poi del pane al lievito naturale con farina di semola e farina integrale,

Cetaria, il pane

burro alle erbe della macchia mediterranea, grissini al burro di bufala e sale maldon;

Cetaria, il burro

e del baccalà, fagioli e ‘nduja, protagonisti dell’antipasto?!

Cetaria, il baccalà

I primi confermano la visione di Salvatore in cucina dove si fondono ideologia, estetica e sapore. Il risotto alla zucca e parmigiano, gamberi rossi e tartufo è un piatto gustoso ed equilibrato che permette al palato di riconoscere tutti gli ingredienti.

Cetaria, il risotto

I tortelli al blu di bufala, verdure arrosto e aceto di riso sono un’ulteriore conferma.

Cetaria, i tortelli

Batticuore per carciofi, topinambur e mozzarella, il cui assaggio riporta l’immagine di un centro storico avvolto nel fumo dei carciofi arrosti nell’attesa del giorno che scandirà la festa con balli al ritmo di nacchere e tammorre. Indovinate il paese, adesso!!!

Cetaria, il carciofo

La cura dei particolari continua con il sorbetto al limone, basilico e ananas;

Cetaria, il sorbetto

il cremoso al cioccolato bianco, lamponi e abete perché il Natale ha sempre il suo fascino;

la piccola pasticceria (tartelletta alla crema diplomatica e cioccolato, bignè alla nocciola, pralina fondente, uvetta e tartufo) accompagnati da un bicchiere di passito.

Finita la cena, dopo una lunga chiacchierata interrotta solo dall’ora tarda, andiamo via con la consapevolezza di trovarci di fronte a due ragazzi che, in uno scenario critico per il settore a causa della pandemia, sono riusciti a rimanere a presidio del territorio, al loro posto.

Articoli correlati

Pappasta: tris di fratelli per il primo ristopasta a Sarno

Viale Margherita, Sarno. E pensi subito a un giorno. A quel giorno. 5 maggio 1998. Il pensiero, dopo 26 anni, provoca ancora le stesse sensazioni. Da ieri,…

Libri e Cappuccino: versione con ghiaccio per “Il Grande Gatsby”!

di Maria Pepe Un giovane uomo, fisicità imponente, carismatico, veste sartoriale. Provenienza, ricchezza, ignote. Da dove venga, nessuno sa. Poco importa. Le sue feste, la sua villa,…

Libri e Cappuccino: Erri De Luca ci porta per “Montedidio”

di Maria Pepe Un luogo, la sua memoria, il suo vissuto. L’ influenza di queste variabili sulle vite e le anime degli abitanti. Monte di Dio, il…

II Concorso Letterario Felicetta Confessore: martedì prossimo la serata di premiazione

L’appuntamento è alle 19 presso la Chiesa di Maria Ss.ma Addolorata in Pagani. Un momento da non perdere per chi è appassionato di letteratura e per chi…

Napoli e gli Ascarelli: se ne parla martedì prossimo a Napoli

Chi erano e cosa hanno rappresentato per la storia di Napoli gli Ascarelli? Quali meriti sono da attribuirsi a questa famiglia di imprenditori e mecenati di religione…

La principessa di Lampedusa: il nuovo libro di Cappuccio arriva a Caserta il 24 maggio

Dopo gli eventi di questo mese a Firenze e a Milano, torna in Campania “La Principessa di Lampedusa”. Venerdì prossimo, alle 19.30, il romanzo di Ruggero Cappuccio,…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *