Pagani: a “Tarallucci e vino” Philly D’Uva e Nicola Attianese incantano il pubblico di “Scenari pagani”

Philly D’Uva

Non tutti possono essere un personal chef. Finora ne ho incontrato solo uno.

Sto parlando di Philly D’Uva, la donna che riesce a trasformare la tua casa in un ristorante. La sua fama è ormai arrivata Oltreoceano. Tra qualche mese “Philly’s Personal Chef” incomincerà un’avventura negli Stati Uniti. Nel frattempo continua a impegnarsi per il suo territorio. Con il marito Nicola Attianese forma una coppia vincente.

Da sx: Philly D’Uva e Nicola Attianese

Lo scorso sabato sera, sono stati i protagonisti di “Tarallucci e vino”, l’AperiSpettacolo di “Scenari pagani” in collaborazione con “Ritratti di Territorio” di Nunzia Gargano.

Frittata di ceci con pomodori secchi e salsa al limone

Questa ragazza che ha superato i 40 anni ha ancora lo sguardo entusiasta di chi è pronto a rincorrere e realizzare i suoi sogni.

La sua forza è rappresentata sicuramente dalle sue quattro figlie: piccole donne con un’età che oscilla tra i 6 e 18 anni. Sono loro forse la chiave di volta della sua grande creatività che le permette di sperimentare e reinterpretare piatti tipici della zona natìa.

Cheesecake alla marmellata di fichi e rosmarino

Come al solito, il 18 febbraio scorso ha conquistato tutti facendo parlare di sé. Gusti semplici e insostituibili come la frittatina di ceci con pomodori secchi su una salsa al limone, gli gnocchi fritti e la cheesecake alla marmellata di fichi e rosmarino.

Così i tarallucci del “Panificio Malafronte” di Gragnano e il vino dell’azienda vinicola Santacosta del winemaker

Giuseppe Pagano sono stati ulteriormente valorizzati dalle chicche di Philly dalle mani magiche.

La sua dote: riuscire a trasformare i prodotti della terra in opere d’arte.

Soddisfatto come al solito il pubblico giunto per assistere allo spettacolo della compagnia Amendola/Malorni “L’uomo nel diluvio”.




L’accessorio giusto per il cupcake alternativo di Philly D’Uva

bzctlh

Un bracciale rigido dall’ampio diametro, completamente fatto d’avorio, sulle bordature finiture di oro lucido. L’oro inserito con la tecnica della fusione fredda è presente sulla sua superficie esterna con intagli di linee curve ed ondeggianti. Un monile di tutto rispetto che cinge il braccio e cattura la vista. Il cupcake di Philly D’Uva, il “dolce” che si mangia per “primo”, il primo che si veste da “dolce”. Comunque lo si definisca, il finger salato dal cuore di provola e la copertura di pasta lunga,

e8inpm

resta un gioiello che interpreta con classe e raffinatezza gli echi etnici della tradizione popolare, espressione d’appartenenza e di forte sentimento identitario che si incontra, ma non si contamina, con gli usi e i costumi di diverse tradizioni. Un cupcake salato, un bracciale d’impatto, il binomio di ricette e bozzetti di questa settimana, un binomio fondato su etnie e identità differenti, ma non “indifferenti”. Una creazione di avorio e oro che non poteva che essere realizzato da Philly, la cuoca “orafa” a “domicilio del mondo”.

Foto Nicola Attianese




Sapori, tradizioni e ritratti per la festa della Madonna delle Galline

ktn3mi

“I sapori della tradizione” ci sono, si vedono e si assaggiano. Grande successo ha riscosso il momento pensato dall’amministrazione comunale di Pagani, in particolar modo dal sindaco Salvatore Bottone e dall’assessore Carmela Pisani, in occasione dell’apertura del Santuario della Madonna delle Galline. Subito dopo il suggestivo momento che sanciva l’avvio della festa, Philly D’Uva di Cooking Philly’s, Giovanni Farina dell’O Ca’ Bistrò a Nocera Inferiore, il macellaio Francesco Abagnara

udwvph
Francesco Abagnara

e Pepe Mastro Dolciere

mg6h2g

sono stati i protagonisti e i testimoni delle potenzialità di un paese, ricco di sentimenti e profondo nell’anima che può dare tanto all’Agro Nocerino-Sarnese.

Anche “Ritratti di Territorio” ha offerto il suo piccolo contributo. Questo blog non sarebbe niente se sulla sua strada non avesse incontrato tante altre persone che hanno sposato la causa come i presenti ai “Sapori della tradizione”.

pug3q8

Solo per amore: così si può riassumere l’impegno, la passione, la dedizione messi in campo per un’avventura culturale condotta sulla via del gusto. Venerdì a Palazzo San Carlo, c’erano i sindaci dei comuni della provincia, autorità civili e militari, delegazioni di giovani inglesi arrivati per la festa grazie anche all’impegno del Forum dei Giovani.

aqjteo

La soddisfazione maggiore è stata vedere lo stupore misto ad apprezzamento di questi turisti speciali che si sono resi conto, se ancora non lo sapessero, di cosa può essere Pagani…

Un’atmosfera familiare, per certi versi spirituale e golosa, ha accompagnato la degustazione che è nata per la promozione delle tipicità locali.

E così Philly D’Uva ha preparato il cupcake alla provola con nido di pastiera di maccheroni,

e8inpm
Philly D’Uva, Cupcake alla provola con nido di pastiera di maccheroni

il plumcake fave e cipolle

tzqyv4
Philly D’Uva, Plumcake fave e cipolle

e la pastiera di grano osé

ck4eog
Philly D’Uva, Pastiera di grano osè

perché scomposta di tutti i suoi ingredienti.

Giovanna Farina ha allietato i palati con i tarallini,

dmdwex
O’ Ca Bistrò, I tarallini

il lecca-lecca di tagliatelle paglia e fieno con piselli,

tkb7uq
O’Ca Bistrò, Casatiello e lecca-lecca di tagliatelle paglia e fieno con piselli

lo sformato di tagliatelle al pomodoro con scamorza di bufala e piselli,

sbnurw
O’ Ca Bistrò, Sformato di tagliatelle al pomodoro, con scamorza di bufala e basilico

le polpettine di salsiccia,

35nw6n
O’ Ca Bistrò, Polpettone di salsiccia e broccoli

i carciofi arrostiti

w6vnnz
O’ Ca Bistrò, Carciofi arrostiti

e il casatiello.

Un plauso sincero va a Francesco Abagnara. I suoi salumi sono veramente eccezionali. Quando li ho assaggiati, nella mente si è attivato subito un flash back. Il pensiero è ritornato al giorno di festa legato alla macellazione del maiale e ai salumi custoditi gelosamente dal nonno in cantina. Soppressata, salsiccia, pancetta assolutamente da provare.

zxervx
Francesco Abagnara, Selezione di salumi

Non potevano mancare i capolavori dell’artigiano che tutta Italia ci invidia: la colomba tradizionale

 

lfrocn
Pepe Mastro Dolciere, Colomba tradizionale

del maestro pasticciere Alfonso Pepe, sapientemente presentata dall’infaticabile Carolina Ferraioli.

Ad accompagnare i preziosi manicaretti, l’Aglianico Beneventano dell’Azienda Vinicola Santacosta del sine-maker Giuseppe Pagano, sempre in prima linea quando c’è da far spiccare l’operosità campana.

fl5gcv

Non si possono dimenticare gli studenti dell’Ipseoa “Marco Pittoni” di Pagani che si sono occupati del beveraggio e del servizio.

Tutti bravi ed eccezionali. Nella mia concezione del giornalismo, una giornata del genere sarebbe stata notizia d’apertura. Io però sono d’altri tempi…

Foto Nicola Attianese




“Ti friggo…” la simpatica minaccia di Famiglia Principe 1968

cookingshow

Ti friggo… Sasicc’ e Friariell. Questo il piatto presentato da “Famiglia Principe 1968” al cooking show di “Vitigno & Terroir” condotto da Marco Contursi, fiduciario della condotta Slow Food dell’Agro Nocerino-Sarnese. Domenica 6 marzo, Lorenzo Principe, patron dell’osteria di via Santacroce a Nocera Superiore e lo chef Agostino Scarpa hanno elaborato un finger food molto gradito dal pubblico.

tifriggo

Ti friggo…Sasicc’ e Friariell’

Ingredienti per 4 finger food

350 g di riso carnaroli

100 g di broccoli friarielli

200 g di salsiccione 

1 calice di vino bianco

40 g di caciocavallo podolico

120 g di semola rimacinata

2 uova

olio extravergine di oliva q.b.

Pulite i broccoli separando i singoli fiori e togliendo i filamenti duri. Lavateli e stufate in padella con un filo di olio. Regolate di sale e ultimate la cottura.

Togliete la pellicina al salsiccione e sbriciolatelo. Tostate il riso, sfumate con il vino bianco, aggiungete l’olio ed ultimate con l’aggiunta di broccoli e salsiccione. Salate e pepate.

Fate assorbire tutto il vino girando e facendo tostare il riso, proseguire la cottura aggiungendo qualche mestolo di olio fino ad assorbimento e alla quasi cottura del riso.

Unite qualche ciuffo di broccoletto e mescolate. Se lo aggiungete a fine cottura, il riso si manterrà bianco.

Mantecate il riso con il caciocavallo podolico.

Fatelo raffreddare, create delle piccole sfere, passatele nell’uovo montato ed ultimate poi nella semola.

Mettete dell’olio a temperatura e soffriggetele.

Asciugatele e servitele ben calde.

Foto Mariana Silvana Dedu




La tigella di Giovanna e Philly è un prezioso portacipria

di Maria Pepe

Portacipria da borsetta - Caseina e bakelite anni 30-40_jpg

Piccolo, pratico, raffinato, lo specchietto da borsa è un, il vezzo che una donna che si rispetti, amante del buon gusto e dell’eleganza, non può non avere nella propria “bag”. L’accessorio, firma di stile, di “ricette e bozzetti” è compatto, tondo con intagli delicati tone su tone. Un tenue rosa cipria valorizzato da tocchi di “gold” nelle bordature di congiuntura. Cipria, il colore del maquillage, con tanto di piumino, che si cela nel doppiofondo inferiore del “miroir a main”, ideato da Giovanna Farina e Philly D’Uva.

12825282_1318253994858052_593401984_n
Da sx: Giovanna Farina e Philly D’Uva

La loro tigella con crema di lardo di maialino nero casertano è un dettaglio, una delicatezza che non può non essere notata, che non può non essere d’ispirazione.

IMG_9060
Farina-D’Uva, Tigella

Soffice, profumata, deliziosa ed avvolgente dentro, esteticamente perfetta fuori, la guardi e… pensi ad una sciccheria che, come rappresentante del gentil sesso, non puoi non avere, dopotutto…

La classe passa per i dettagli!