Nocera Inferiore: domani sera Ritratti di Gusto all’O Ca Bistrò per Le ricette del Vesuvio

image_pdfimage_print

Continua il tour del libro a cura di Nunzia Gargano, edito dalle Edizioni dell’Ippogrifo. Questa volta si fa tappa all’osteria di Giovanna Farina e Antonio Pepe in via Papa Giovanni XXIII, alle 20.30 di domani. Un evento voluto fortemente dai padroni di casa per omaggiare un territorio, l’Agro Nocerino-Sarnese, protagonista del volume insieme all’Agro Vesuviano e ai Monti Lattari. 780 le preparazioni contenute in una pubblicazione travestita da ricettario, ma che in realtà è una vera e propria bomba orologeria. All’interno non ci sono solo i segreti gastronomici delle nostre zone, ma tante schede e sollecitazioni interessanti che contribuiscono ad allargare lo sguardo su noi stessi e sulle nostre radici. Giovanna, com’è nel suo stile, ha curato tutto nei minimi particolari e ha ideato un menu che racchiude il sapore dell’autunno e gli odori dei cibi preparati dalle nonne nei cortili.

Il menu

Entrée; pane croccante cotto a legna con soffritto; bon bon di minestra maritata; vellutata di montagna con salsiccione alla brace e fiori di broccoli scoppiettati; la polpetta cotta a fuoco lento su scarulella condita con papaccelle e melanzane sott’olio; fricassea di costatelle con patate croccanti e peperone crusco; caldarroste; scauratielli e cioccolaccio con cantuccio al profumo di mandarino

Costo degustazione: 25,00 euro a persona

Per info e prenotazioni ‘O Ca Bistrò via papa Giovanni XXIII, 16-18 – Nocera Inferiore (Sa)

Tel. 08119659814

Il Vesuvio non è semplicemente il Vulcano di Napoli. “Vesevus”, come lo chiamavano gli antichi, è un gigante maestoso che guarda alla città, ma “protegge” tutta la Campania. La sua sagoma è sempre presente: se guardi il panorama, se ti affacci alla finestra, se percorri l’autostrada Napoli-Salerno.

Lo sguardo è catturato dalla sua figura e anche chi non l’ha mai visto lo riconosce. Per questo motivo, un libro di ricette che lo ricordi nel titolo non è una mera intuizione editoriale, è un’indagine per ampliare ulteriormente la visione della nostra identità.

Infatti, i paesi protagonisti di questa ricerca sulle vie delle nostre tradizioni non sono solo quelli dell’Agro Vesuviano, per intenderci. Nelle nostre zone, lo spirito vulcanico, la componente mineraria del suolo, pervadono anche l’Agro Nocerino-Sarnese e i Monti Lattari.

Così i prodotti, i riti, le pietanze che interpretano i territori si trasformano nello strumento privilegiato per scoprire di più noi stessi e le nostre radici senza le quali non può esserci futuro.

Il libro

Si presenta in modo originale come è nello stile dell’editore e dell’autrice.

Due dediche: ad Antonio Esposito Ferraioli, Tonino per tutti, il cuoco sindacalista, ammazzato con due colpi di lupara il 30 agosto 1978 dopo aver lasciato la casa della fidanzata, colpevole di aver rifiutato di cucinare cibo avariato ai dipendenti dell’Ericsson Fatme di Pagani; agli studenti delle classi quinte dell’anno scolastico 2017-2018 dell’Istituto Alberghiero di Agerola presso cui Nunzia Gargano insegna Materie Letterarie dal 2014.

Nessuna prefazione: solo un’introduzione scritta direttamente dalla giornalista fondatrice del progetto culturale “Ritratti di Territorio” che descrive il rapporto e le potenzialità delle sue tre patrie: l’Agro Nocerino-Sarnese (la patria natìa); i Monti Lattari (la patria ideale); l’Agro Vesuviano (la patria politica).

780 ricette da scoprire, approfondire, assaggiare, preparare, consigliate da chef, pasticcieri, produttori, massaie che hanno reso grandi i nostri territori. Il volume non è un semplice elenco di piatti da preparare, ma è anche uno strumento per conoscere meglio i prodotti tipici che hanno reso unici i nostri piatti.

Le ricette del Vesuvio” si pregia di due preziosi collaboratori: Diodato Buonora, uno dei maggiori esperti dell’enologia campana, e Maria Pepe, giornalista che ha scelto di raccontare le realtà locali.

In copertina, c’è la genovese di Luciano Bifulco dell’omonima braceria di Ottaviano immortalata da

Mariana Silvana Dedu. Nella quarta di copertina la foto dell’autrice è invece di Gaetano Del Mauro, un artista che non ha più bisogno di presentazioni.

Nunzia Gargano

Giornalista pubblicista, ideatrice e fondatrice del “Premio Ritratti di Territorio” e del blog

www.ritrattiditerritorio.it. Dottore di ricerca in Storia, è docente di Lettere presso l’Istituto Alberghiero

Raffaele Viviani” di Agerola. Si definisce “una giornalista che insegna”. La sua prima intervista risale al 17 settembre 1994. Da allora, non ha mai smesso di mettere al centro del suo interesse Pagani, l’Agro Nocerino-Sarnese e l’intera Campania. Considera il giornalismo nelle realtà locali una forma di impegno civile. Ha collaborato a diverse testate giornalistiche ed è stata vicedirettore del periodico “l’Agro”. Si occupa di storia contemporanea, legalità, promozione culturale ed enogastronomia.

Per le Edizioni dell’Ippogrifo ha pubblicato “Pagani. Guida turistica”, “Le ricette dell’Agro Nocerino-Sarnese”, “Ritratto di Paese” e “Resistenze”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *