Pagani: con la XXI Edizione di “Scenari pagani” riparte anche “Tarallucci e vino”

image_pdfimage_print

Rosaria De Cicco in “Regine” apre la XXI edizione di “Scenari pagani” e conferma il successo di “Tarallucci e vino”.

L’AperiSpettacolo a cura di Ritratti di Territorio, il progetto collegato all’omonimo blog di Nunzia Gargano, è ormai diventato un appuntamento fisso della rassegna del Centro sociale di Pagani.

Nato per la caparbietà e la resistenza di Nicolantonio Napoli, direttore artistico di “Scenari pagani”, anima di “Casa Babylon Teatro”, e della giornalista che da 23 anni è al servizio dell’Agro Nocerino-Sarnese, è diventato un momento atteso da tutti.

D’altronde, a ogni kermesse si ha la possibilità di informarsi, conoscere e apprezzare i prodotti e le bontà degli artigiani sempre al fianco dei propri territori.

Così, come dalla prima edizione di “Tarallucci e vino”, non è mancato l’appoggio di Giuseppe Pagano e degli apprezzati vini “Santacosta”. Ieri sera protagonisti lo spumante brut “Don Andrea 1936” e l’Aglianico.

Pizza Pazza per i Pazzi della Pizza, Pizza fritta

Le creature di Pagano hanno accompagnato i taralli del Biscottificio Pisacane di Agerola, la pizza fritta alle verdure e le polpette di carote rivisitate di Angela De Vivo di “Pizza Pazza per i Pazzi della Pizza” di San Valentino Torio;

Pizza Pazza per i Pazzi della Pizza, Polpetta di carote rivisitata

il panettone tradizionale

Pepe Mastro Dolciere, Panettone

e alle albicocche del Vesuvio di Alfonso Pepe appena sfornati nel laboratorio artigianale di via Nazionale a Sant’Egidio del Monte Albino.

Se chi ben comincia è a metà dell’opera, la nuova edizione di “Scenari pagani” si rivelerà imperdibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *