Un mini dress rosa cipria per il macaron interpretato da Maurizio Di Ruocco

di Maria Pepe

Una ricerca attenta ed estenuante unità all’amore per il dettaglio senza mai staccarsi dalla storia delle proprie radici sono gli ingredienti alla base della ricetta-bozzetto di questa settimana. Glamour e fashionista si presenta in tutta la sua ammiccante quanto celata vezzosità il mini dress strutturato in tulle rosa cipria.

Una gonna, dalle linee tondeggianti che fascia il punto vita, ma cade ad ombrello lungo i fianchi, una rigidità che si smorza nell’incontro con i voluttuosi sbuffi in tulle che si propongono al centro e lungo l’orlo. Un capo che, senza alcuna remora e incertezza, strizza forte l’ occhietto alle più sensuali regine carpendo uno dei loro segreti di bellezza più nascosti e sospirato…

Il sottogonna steccato…

Un mistero così solo un giovane curioso e coraggioso che alle facili sirene ammaliatrici, portatrici di successi brevi ed effimeri, preferisce le “Royal” qualità e professionalità, poteva scoprirlo.

Da Versailles a Pompei il passo è breve: Maurizio Di Ruocco, chef patron del ristorante “Zaira” con il suo macaron, di pasta di mandorle e pistacchi di Bronte, ripieno di crema di fave e salame con un delicato retrogusto di finocchio selvatico, consegna una ricetta-bozzetto omaggio alla regalità femminile.