Nasconde un retaggio gipsy la pizza ai carciofi al fumo di Luigi Cippitelli

di Maria Pepe

In occasione della festa popolare, che meglio tra tutte esprime il “ritratto di un territorio” che si apre e allarga agli altri “ritratti”, “Ricette e Bozzetti” dice la sua e lo fa con un capo in perfetto stile “boho chic”, nuova e raffinata reinterpretazione dello stile gipsy, tratto distintivo della miglior tradizione sacro profana che la Madonna delle Galline porta con sé.

Una jumpsuit con scollo a barca, maniche a pagoda e pantaloni palazzo nell’inconfondibile colore verde militare. Un capo comodo ma so fashion che all’aderenza preferisce la sinuosa morbidezza.

L’ impalpabile jersey si appoggia appena alla figura nei punti giusti evidenziandone le forme, nascondendone la comunque ben accetta abbondanza. Un bozzetto che insieme alla sua ricetta ispiratrice: la pizza ai carciofi cotti al fumo, mozzarella di bufala campana DOP, formaggio erborinato, prezzemolo, olio all’aglio,

del sempre e solo inimitabile sarto della pizza Luigi Cippitelli omaggia l’elemento simbolo in cui si racchiude l’intera poetica dei uno dei riti dell’ammaliante tradizione paganese, il carciofo arrostito emblema di un popolo all’apparenza difficile da decifrare, ma facile da amare.