Pagani: “Misteriosamente” alla scoperta delle eccellenze locali

image_pdfimage_print

Musica e cibo: un binomio perfetto. Grande successo per il terzo appuntamento di “Tarallucci e vino”, l’AperiSpettacolo di “Scenari pagani”. Sabato scorso, presso l’Auditorium Sant’Alfonso Maria De Liguori in Pagani, una sfilata di numeri uno ha intrattenuto il pubblico intervenuto per “Misteriosamente”, il concerto di Enzo Gragnaniello.

Affetto, soddisfazione, emozione questi i sentimenti provati da tutti. È stata una vera e propria festa per un artista capace di offrire se stesso senza reticenze.

Prima di varcare la soglia per l’ingresso a teatro, artigiani e produttori delle eccellenze nostrane si sono rivelati protagonisti indiscussi.

Per il secondo anno consecutivo i “tarallucci” del Panificio Malafronte continuano a incantare insieme alla vasta tipologia di pani e crackers dell’azienda con un Massimiliano talmente generoso da guidare i degustatori di tappa in tappa nell’assaggio dei suoi prodotti.

Ha rinunciato alle ferie come segno di affetto nei confronti di “Ritratti di Territorio” Vincenzo Piacente, executive chef dell’Hotel “Parco dei Principi” di Sorrento, che ha incantato vista e palato con i colorati finger food tra mare e monti (polpo e patate; calamaro scottato e broccolo amaro; cous cous all’orientale; carpaccio di salmone con salsa allo yogurt acido; insalata di riso al prezzemolo e noci).

Non fa mancare mai il proprio appoggio l’Osteria “La Pignata” con Gerardo Figliolia e una parte dello staff che ha preparato l’involtino di verza con mozzarella di bufala e patate su biscotto di pane duro del “Biscottificio Calabrese” di Bracigliano.

Da sx: Maria Pepe e io “a guardia” dei vini Santacosta

Trionfo come al solito per l’azienda Vinicola “Santacosta” di Giuseppe Pagano, sempre sensibile e attento quando c’è da far brillare la luce del territorio. Il suo vino riscuote tanto successo da indurre in tentazione anche gli astemi.

Non è mancato il dolce. Il maestro pasticciere di Sant’Egidio del Monte Albino ha colto l’occasione per inaugurare il taglio della colomba pasquale 2017 insieme a un assortimento di piccola pasticceria. Sono state fatte “quattro chiacchiere” in attesa del Carnevale con i manufatti del laboratorio artigianale “Il Mondo Senza Glutine” di Nocera Inferiore, felice intuizione di Francesco Fezza, Antonio Pepe e Alfonso Sabatino.

Che dire poi di Luisa Matarese, l’alchimista più imitata ovvero “Alma De Lux”

Da sx: Maria Pepe, Luisa Matarese e io

di San Giorgio a Cremano che ha sancito il debutto in società dell’ultimo nato, il liquore alla cannella dello Sri Lanka. L’anno scorso sempre a “tarallucci e vino” fu presentato ufficialmente il liquore col pomodoro del piennolo, ancora oggi tanto imitato, ma impossibile da riprodurre.

Prossimo appuntamento domani al centro sociale di Pagani!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *