Racconto di una festa a casa di amici…

image_pdfimage_print
Da sx: Luciano Bifulco e Alfonso Annunziata
Da sx: Luciano Bifulco e Alfonso Annunziata

Non smetterò mai di ringraziare Luciano Bifulco perché mi ha incoraggiato. A festeggiare il mio compleanno. A realizzare la mia idea. A coltivare la mia follia.

Sì perché questo “fratello” incontrato poco più di due anni fa, mercoledì scorso, giorno del mio compleanno, ha dato una prova della sua grandezza di uomo e imprenditore. È sceso in campo e mi ha aperto le porte della nuova “Braceria Bifulco”, al fianco di quella storica sempre in via Lavinaio a Ottaviano.

È stato coraggioso Luciano ad accogliere i miei invitati e coccolarli, come solo lui sa fare, al primo piano della sua meravigliosa struttura, dove nulla è lasciato al caso.

Mi ha fatto sentire davvero una “regina” come ama simpaticamente salutarmi ogni volta che mi incontra.

16251675_1393958547314950_7580499434538628508_o

Solo una persona che ti vuole veramente bene può accettare in un luogo ancora integro la presenza di circa 140 persone tra cui anche un consistente numero di bambini. Con questo gesto Luciano ha ulteriormente consolidato il suo posto d’onore nel carnet dei miei amici. Mi ha lasciato senza parole già in quel giorno del nuovo anno quando timorosamente mi rivolsi a lui e mi rispose così: “Posso mai dire di no a te?!”.

Così è nata la serata del 18 gennaio: “L’integralista. 40 anni tra giornalismo, storia e territorio”. Un messaggio chiaro e diretto. Perché alla mia festa ho voluto solo persone di famiglia e non erano poche. D’altronde, come si può non volere con sé, in un momento importante, persone con cui da tempo condividi un pezzo di strada o con cui hai scambi quotidiani?

La famiglia innanzitutto, gli amici, che poi sono essi stessi famiglia, incontrati sulla mia strada per diversi motivi.

Da sx: io, Francesco Vorraro e Maria Pepe
Da sx: io, Francesco Vorraro e Maria Pepe

Io, Luciano e Francesco Vorraro, lo chef, abbiamo costruito questa “follia” nei mini particolari.

16142476_1393954470648691_1341610910606623368_n

Un solo diktat: la selezione e la scelta delle carni sarebbero state compito esclusivo del patron. Chi meglio di lui? La carne selezione “Bifulco” ha conquistato la scena e ha incantato i palati a partire dall’entrée (gateau,

16113182_1393955497315255_9929412461473583_o

soffio di lasagna,

16002920_1393958267314978_2292309023367549130_n

sfera di scottona con verza napoletana e pecorino,

16105849_1126629404113096_8063207688586270227_n

tartare di marchigiana,

16114360_1393959643981507_6458145525451998443_n

sandwich di lingua e friarielli),

16195058_1126632640779439_6453631700735827104_n

passando per l’antipasto (zuppetta di fagioli con clorofilla di foglie invernali e lardo iberico)

15976986_1126642690778434_5021954818150855732_n

e arrivando alla mitica genovese di Francesco Vorraro con tartare di mela annurca e pecorino di Carmasciano,

16003235_1126648167444553_8713557470542051399_n

un piatto per cui si sta pensando di creare un fan club.

Ola degli ospiti per il tris di carni scelto: l’asado brasato per l’occasione da Claudio Enrique De Mita,

Claudio Enrique De Mita
Claudio Enrique De Mita

 

l’asadero più famoso della tv;

16237221_10210494757118334_47239958_n

la marchigiana beneventana

16114354_1393960510648087_1299322301855699414_n

e la selezione di maialino.

Ma una degustazione non può dirsi tale se non accompagnata da un buon vino,

16174912_1126648417444528_9130401187798936048_n

quello della mia casa vinicola preferita, l’azienda “Santacosta” del mio amico Giuseppe Pagano,

16229870_10210494757078333_175058689_o

un uomo intelligente, gran lavoratore, che viaggia su e giù per lo Stivale per presentare le sue “creature”. Sa ancora emozionarsi quando riceve un complimento. E così il Don Andrea 36-05 Brut,

15994968_1126632780779425_6658117965834488279_o

il Don Andrea 36-05 Rosso

16113932_1393962463981225_5829765775671307706_n

e il Primitivo sono stati protagonisti impeccabili della serata,

16216142_10210494757038332_1869523903_n-2

scelti personalmente da Giuseppe per me.

16177655_1126626227446747_2888712709941044416_o

E ancora la torta di compleanno. Grazie al maestro pasticciere Alfonso Pepe e a tutto lo staff di “Pepe Mastro Dolciere”. Mi hanno seguito passo passo per realizzare il simbolo dell’evento,

così come me lo aspettavo. Il gusto scelto? Il mio preferito:

16113270_1126659547443415_1488746838144752110_o

semifreddo al caramello su cui campeggiava la riproduzione del taccuino Moleskine.

Da sx: Alfonso Pepe e Teresa Vitolo
Da sx: Alfonso Pepe e Teresa Vitolo

Non potevano mancare le coccole dolci ispirate alla passeggiata napoletana: il babà in bagna di vaniglia e albicocche,

16142288_1126659830776720_9170473338340394665_n

la frolla

16195428_1126660067443363_4988370613651074960_n

e la sfogliatella appena sfornate.

16105909_1126659834110053_7271455296878579016_n

E ancora Mariana Silvana Dedu e Mariano Lauro che mi hanno dedicato i loro scatti.

Grazie ancora!!!

Foto di Mariana Silvana Dedu e Mariano Lauro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *