Coppola e Maresca: due stelle nell’universo enogastronomico

image_pdfimage_print

“Un vincitore è semplicemente chi non ha smesso di sognare. Buone feste”. Questo il messaggio augurale rivolto agli ospiti in occasione del pranzo a quattro mani svoltosi il 17 dicembre scorso presso il ristorante “La Galleria” in Gragnano.

15748274_10210221055115955_2068942845_o

Giulio Coppola, lo chef patron, e Antonino Maresca, pastry chef, sono stati i protagonisti di un evento unico e inimitabile.

Da sx: Giulio Coppola, io e Antonino Maresca
Da sx: Giulio Coppola, io e Antonino Maresca

Un incontro intimo e familiare tra amici che avevano il piacere di trascorrere un po’ di tempo insieme prima del turbinio delle festività natalizie. È stato un vero e proprio pranzo di famiglia dove i due geni hanno scelto di circondarsi delle persone per loro più importanti.

La Galleria, Chips di topinambur
La Galleria, Chips di topinambur

Giulio è un vero e proprio resistente, di quelli che piacciono a me. Lotta, crea, immagina, sogna e soffre anche, ma non rinuncerebbe mai alla sua indipendenza intellettuale. È una mosca bianca nella categoria. Si sa, chi è ingestibile, è anche antipatico perché ha il coraggio di tirarsi fuori dal coro.

Tra lui e Antonino Maresca è nato uno splendido feeling che si consolida di anno in anno. È diventata tradizione annuale l’evento a quattro mani che consolida le virtù di due giovani che guardano al mondo ancora con gli occhi ingenui dei bambini.

La Galleria, Entrée
La Galleria, Entrée

Un anno non è trascorso invano. I due maestri sono cresciuti ancora di più in bravura e umiltà. Attenti, meticolosi, silenziosi ed esteti: queste le loro definizioni.

Non smetterò mai di ringraziarli per avermi concesso la loro amicizia. Basti pensare che il 17 dicembre a rappresentare i media enogastronomici c’eravamo solo io, Karen Philips e Maria Pepe perché, come sottolinea sempre Giulio col suo fare sornione, “Prof., nel mio locale voglio solo chi mi apprezza sinceramente, senza secondi fini”. Impossibile aggiungere altro!

Il menu? Eccezionale, è stato declinato per coinvolgere i cinque sensi nella degustazione a partire dalla chips di topinambur e continuando con chips di riso con crema di barbabietola e gorgonzola; puntarelle ripiene di salsa olandese, fresella e pane abbrustolito con alici, burro e verbena; involtino di carne marinato con ricotta che lasciava intravedere già le bontà che avrebbero caratterizzato la giornata.

L’antipasto si apre con i ravioli di bietola alla marinara e infuso di limoni,

La Galleria, Ravioli di bietola
La Galleria, Ravioli di bietola alla marinara e infuso di limoni

seguito da un assaggio di pizza “viustel” e patate con maionese e “checiapp”, un’interpretazione molto personale dell’alimento più famoso e invidiato al mondo.

La Galleria, La pizza secondo Coppola
La Galleria, La pizza secondo Coppola

Un discorso a parte meriterebbero i pani gustosi, saporiti e morbidi che ritagliano il proprio posto d’onore nel pranzo.

La Galleria, I pani
La Galleria, I pani

L’escalation continua con i primi: gli spaghetti accompagnati da cipollotto, limone e cerino affumicato

La Galleria, Spaghetti con cipollati
La Galleria, Spaghetti con cipollotto, limone e cerino affumicato

e i raviolini con cavolfiore e lumachine di mare.

La Galleria, Raviolini
La Galleria, Raviolini con cavolfiore e lumachine di mare

Il secondo piatto invece è un omaggio al baccalà in più versioni accompagnato dalla verza.

La Galleria, Baccalà e verza
La Galleria, Baccalà e verza

Questa la prima parte.

La seconda, invece, è caratterizzata dalle creazioni di Antonino Maresca. Si parte con il predessert:

Maresca, Predessert
Maresca, Predessert

il gelato di pompelmo affumicato con pinoli e corbezzolo e si continua con il cubo di Natale… mi sembrano mille,

Maresca, Mi sembrano Mille
Maresca, Mi sembrano Mille

ovvero l’interpretazione della millefoglie, e ancora altre creazioni di cioccolato.

Maresca, Creazioni di cioccolato e non solo
Maresca, Creazioni di cioccolato e non solo

Dicembre è sinonimo di panettone e il pastry chef propone una trilogia del forno Guarino.

La Galleria, Tris di panettoni del Forno Guarino
La Galleria, Tris di panettoni del Forno Guarino

Non possono mancare le coccole finali: zeppole fritte e sfogline.

La Galleria, Coccole finali
La Galleria, Coccole finali

La giornata vola via con la consapevolezza di essere stata allietata da due stelle che hanno già fissato il proprio posto nel firmamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *