Pompei: Carli e Avallone conquistano il pubblico con la cena a 4 mani dell’Hermes Café

image_pdfimage_print

15595799_10210127273771480_902598269_o

Finale col botto. Si è concluso ieri il ciclo di degustazioni svoltosi tra novembre e dicembre presso l’Hermes Cafè in via Plinio a Pompei pensato da Gian Marco Carli e Giuseppe Pisacane.

Serata a quattro mani con due protagonisti d’eccezione: Gian Marco, l’archeochef per intenderci, e Salvatore Avallone, chef patron di “Cetaria” a Baronissi.

15220103_10211608234151201_1208313419950903916_n

Due giovani che hanno unito le loro forze per far vivere ai propri estimatori un percorso enogastronomico intrigante e originale.

Gian Marco e Salvatore sono molto diversi nel temperamento, ma identici nella passione per una professione affascinante e dura.

L’entrée (arancino con rosso di Mazara e provola, vellutata di patate e tartufo bianco irpino)

Carli, Arancino con rosso di Mazara
Carli, Arancino con rosso di Mazara e provola, vellutata di patate e tartufo bianco irpino

e il primo antipasto sono stati preparati dallo chef di casa, Gian Marco, “Il Principe”, per intenderci.

Il tataki di tonno, pistacchi e maionese al dragoncello con sfoglia di cipolla rossa marinata ha confermato l’estro e la competenza di questo ragazzo che preferisce far parlare le sue creazioni.

Carli, Tataki di tonno
Carli, Tataki di tonno, pistacchi e maionese al dragoncello con sfoglia di cipolla rossa marinata

Il polpo brasato al rosmarino, frappè di patate allo zafferano, terra di olive nere, maionese al pomodoro e chips di polenta alla papaccella

Avallone, Polpo brasato
Avallone, Polpo brasato al rosmarino, frappè di patate allo zafferano, terra di olive nere, maionese al pomodoro e chips di polenta alla papaccella

e le orecchiette ai due datterini, colatura di alici di Cetara e nocciola tartufata di Giffoni sono stati prepararati dall’energico Salvatore.

Avallone, Orecchiette
Avallone, Orecchiette ai due datterini, colatura di alici di Cetara e nocciola tartufata di Giffoni

Il secondo piatto è costituito da uno degli alimenti preferiti di Gian Marco: il baccalà in fricassea, crema di scarola riccia e crumble di cipolle e pinoli con pomodorino candito.

Carli, Baccalà in fricassea
Carli, Baccalà in fricassea, crema di scarola riccia e crumble di cipolle e pinoli con pomodorino candito

Per le portate sono stati abbinati i vini dell’azienda “Bosco de’ Medici” il Pompei Bianco e la “Lacryma Christi”.

Un plauso va anche al mixer Francesco Varnelli per il gelly rusty nail affumicato alla vaniglia, croccante di dattero, noce moscata e twist di limone

Varnelli. Gelly
Varnelli. Gelly rusty nail affumicato alla vaniglia, croccante di dattero, noce moscata e twist di limone

che ha preparato il palato alla caprese al cioccolato fondente e ganache di cioccolato bianco agli agrumi di Salvatore Avallone.

Avallone, Caprese
Avallone, Caprese

Molto apprezzati i distillati a cura dell’Azienda Berolà di Portico in provincia di Caserta.

15502901_10210127277611576_1743698440_o

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *