Il maialino glamour declinato da Francesco Vorraro di Braceria Bifulco a Ottaviano

image_pdfimage_print

di Maria Pepe

images (2)

Riconferma, Francesco (Gioacchino) Vorraro, chef della Braceria Bifulco, il suo personalissimo culto del “particolare” e dopo il pareo indiano con stampa Woodblock, stupisce ancora una volta con una clutch super patinata e super fashion, emblema di glamour e scintillio nelle serate che contano. Borsa a mano piccola, adatta solo all’essenziale, ricca di dovizie e personalità, dalla forma rettangolare con angoli tondeggianti, alterna in un melange perfetto il rosa cipria ed il marrone bruciato con lievi sfumature di marsala, il tutto impreziosito dallo scheletro metallico (a vista) la cui cromatura ambrata viene esaltata dalla chiusura, un opale verde dal taglio rettangolare, ma irregolare alla base.

IMG_4857

Un accessorio che illumina più dei gioielli, elegantemente, veste più di un vestito, un pezzo da collezione, che, come il maialino h 24 con lardari e albicocca del Vesuio da cui trae origine, non può che essere destinata a sfavillanti gran soirée.

Maria Pepe

Giornalista pubblicista, è direttore responsabile del periodico “Il pensiero libero”, cura la rubrica “Tout court” per “Il risorgimento nocerino” e “Ricette e bozzetti” per questo blog. Cura con passione il suo blog “Un armadio per….” Ha un debole per le scarpe ed è la regina dell’outfit. Le sue mise sono sempre apprezzate dagli amanti del buon gusto.

maria.pepe@ritrattiditerritorio.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *